Pianosolo Forum - Il forum sul pianoforte

Il cuore di Pianosolo => Armonia => Topic aperto da: Antonio27 - Marzo 21, 2018, 05:09:54 pm

Titolo: Aggiungere l'armonia alla melodia
Inserito da: Antonio27 - Marzo 21, 2018, 05:09:54 pm
Come ho già accennato nella mia presentazione, mi piace comporre melodie suonando la tromba ad orecchio (che è il mio principale strumento).
In seguito trascrivo la melodia sullo spartito, e infine tento di aggiungere gli accordi con il piano (del quale ho per ora una conoscenza limitata).
Per aggiungere gli accordi in genere seleziono tutti quelli che  includono le note principali di ogni battuta, e scelgo quello che mi suona meglio.
Spesso devo provarne moltissimi, e più volte. E' un processo interminabile.
Sapete suggerirmi dei criteri, magari meno empirici, che mi permettono di selezionare il minor numero possibili di accordi potenzialmente adatti ?
Titolo: Re:Aggiungere l'armonia alla melodia
Inserito da: guc - Marzo 22, 2018, 09:41:27 am
Quello che chiedi non è affatto facile, esistono infiniti modi di armonizzare una melodia. Dai modi più "banali" ai modi più ricercati o originali. Dipende da tanti fattori: dalla complessità della melodia, dalla sensibilità dell'autore..,
La cosa più semplice è quella di considerare gli accordi che ruotano attorno alla tonalità. I legami più forti sono con gli accordi di IV e V grado e considerando maggiori e relative minori.
Per esempio, nella tonalità di DO, gli accordi più "vicini" sono: FA maggiore (IV) e SOL maggiore (V) e le relative minori LA minore, RE minore e MI minore.
Titolo: Re:Aggiungere l'armonia alla melodia
Inserito da: Antonio27 - Marzo 22, 2018, 12:00:35 pm
La cosa più semplice è quella di considerare gli accordi che ruotano attorno alla tonalità. I legami più forti sono con gli accordi di IV e V grado e considerando maggiori e relative minori.
Per esempio, nella tonalità di DO, gli accordi più "vicini" sono: FA maggiore (IV) e SOL maggiore (V) e le relative minori LA minore, RE minore e MI minore.
Ti ringrazio della risposta. Gentilissimo!

Quindi, se ho ben capito, se ho una melodia nella tonalità di Do, considererò l’accordo di DO stesso (tonica), più quello di FA maggiore (IV) e SOL maggiore (V).
E considererò la scala relativa, cioè l’accordo di LA minore, più gli accordi RE minore (IV) e MI minore (V).

Se la tonalità è in FA, considererò gli accordi: FA maggiore, SIb maggiore, DO maggiore, RE minore, SOL minore, LA minore.

Mi confermi?
Titolo: Re:Aggiungere l'armonia alla melodia
Inserito da: guc - Marzo 22, 2018, 12:29:20 pm
Esatto.
Ovviamente questi sono i legami più semplici, senza tenere conto di modulazioni, alterazioni e altre variabili che possono rendere più complicata la scelta degli accordi.
E tenendo anche conto degli accordi solo nella loro forma base (il tritono) senza aggiungere altro (settima, nona.... eccedenti, diminuiti...)
Titolo: Re:Aggiungere l'armonia alla melodia
Inserito da: Antonio27 - Marzo 22, 2018, 02:12:15 pm
Funziona!
Ho controllato alcuni semplici spartiti, e senza tener conto, come tu hai detto, delle notazioni di settima e altre variabili, quasi tutti gli accordi rientrano nei 6 derivanti dalla loro tonalità (tre accordi maggiori e tre minori) di cui parlavamo.

Tra l'altro noto che in ogni brano musicale, indipendentemente dalla tonalità e dal fatto che globalmente esprimano allegria o tristezza, si alternano caoticamente armonici maggiori e minori.
Quindi si può dire che ogni brano musicale contiene al suo interno alcune parti maggiori e alcune minori ?
Titolo: Re:Aggiungere l'armonia alla melodia
Inserito da: guc - Marzo 23, 2018, 09:25:36 am
Non puoi tirare fuori una regola. Ci sono delle canzoni (in musica leggera) costruite solo su due accordi. Una volta si usava tanto il giro armonico, il classico giro di DO, Se ti sposti sulla musica classica raramente troverai brani che hanno solo quegli accordi, però sicuramente sono i più comuni. La musica progressive gioca tanto sui cambi di tonalità oppure sul cambio di modo (per esempio legare un SOL maggiore ad un un RE minore).
Non puoi tirare fuori una regola. In musica le regole sono fatte per essere infrante. E' quel tocco di creatività che ogni artista deve avere