0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Micio87

Accordi senza le terze
Febbraio 08, 2011, 11:09:04 am
Ragazzi, ho notato una cosa strana. Non so se dipende solo dal mio pianoforte o se sia così in generale: se suono un accordo (ad esempio Re minore) nelle ottave basse del pianoforte (in particolare la seconda ottava, con l'aggiunta del Re della terza ottava, per intenderci, quindi RE FA LA RE proseguendo da sinistra verso destra) esce un suono che non mi piace granchè, piuttosto sporco. Ma se tolgo la terza, cioè il FA, esce un suono pulito, e soprattutto che risuona in modo molto più pronunciato. In pratica esce un suono molto più potente.

A cosa è dovuto questo? Può essere utile suonare in un brano tutti gli accordi senza le terze?
Grazie a tutti! ciaooo

l.golinelli

Re:Accordi senza le terze
Febbraio 09, 2011, 10:29:26 am
E' abbastanza normale trovare accordi nei registri bassi senza la terza, proprio per il motivo che hai enunciato te... ;)

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:Accordi senza le terze
Febbraio 09, 2011, 01:04:21 pm
ok però da qualche parte la 3° devi metterla...
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

Micio87

Re:Accordi senza le terze
Febbraio 09, 2011, 01:42:01 pm
Dunque non è pensabile un armonia completamente priva di terze?

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:Accordi senza le terze
Febbraio 09, 2011, 01:55:25 pm
scusa se togli la terza e l'armonia è tonale come fai a dire se il modo è maggiore o minore??
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

Desaparecidos

  • Visitatore
Re:Accordi senza le terze
Febbraio 09, 2011, 02:35:25 pm
Dunque non è pensabile un armonia completamente priva di terze?
è una nuova forma di avanguardia compositiva?? ;D

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:Accordi senza le terze
Febbraio 09, 2011, 02:45:07 pm
uhuh non si sa mai XD magari mischia un po i 2 modi in tutto il brano XD
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

Micio87

Re:Accordi senza le terze
Febbraio 09, 2011, 02:46:04 pm
Il brano originariamente è in minore...ma se gli levo le terze ho notato che non cambia più di tanto...dunque potrei considerarlo un minore "diverso" ?

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:Accordi senza le terze
Febbraio 09, 2011, 02:55:03 pm
ci sono altri intervalli importanti nel modo minore che lo caratterizzano tipo la seconda eccedente tra 6° e 7° ma non trascurare la3° minore dai...

poi ovvio se mi metti la 3° su un altra voce ovvio che poi la cosa cambia!
Ultima modifica: Febbraio 09, 2011, 03:29:01 pm da antares
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

*

Aktis_Sax

Re:Accordi senza le terze
Febbraio 09, 2011, 03:02:32 pm
E' abbastanza normale trovare accordi nei registri bassi senza la terza, proprio per il motivo che hai enunciato te... ;)

è abbastanza normale?  :o ma in che senso?

Re:Accordi senza le terze
Febbraio 09, 2011, 03:54:54 pm
...Può essere utile suonare in un brano tutti gli accordi senza le terze?

Direi proprio di no.  8)
potrebbe però essere utile evitare di suonare note troppo vicine tra loro nelle ottave basse, visto il risultato. Nel tuo caso magari sarebbe meglio, anzichè 1° 3° 5°, fare 1° 3° 10°. Sono le stesse note però il terzo grado viene portato un'ottava sopra, permettendoti di "allargare" un po' le parti e quindi avere un suono un po' più gradevole. Guarda anche la parte della mano DX perchè magari già in quella è contenuto il 3° grado.

In ogni caso, tutti gli accordi senza le terze sono una follìa anche perchè quando sta bene è sacrilegio non metterla. Se, invece, ogni tanto non suoni il 3° grado per qualsiasi motivo non c'e' problema perchè in ogni caso il modo del brano che stai suonando, se non si è ancora sentito, si sentirà ;) ... e poi non è che un pianista debba avere l'obbligo e il dovere morale di suonare sempre tutte le note di un accordo, un jazzista dovrebbe avere ALMENO una mano in più solo per finire gli accordi.
Ultima modifica: Febbraio 09, 2011, 03:58:52 pm da MrPianoSolo

Micio87

Re:Accordi senza le terze
Febbraio 09, 2011, 04:02:48 pm
Ottimo consiglio, mr. Pianosolo! Proverò a trasformare le terze in decime e poi ti farò sapere !

Re:Accordi senza le terze
Febbraio 25, 2011, 10:15:29 am
allora: nel registro grave è sconsigliatissimo suonare triadi in posizione stretta meglio in posizione lata....
basterebbe analizzare molte partiture per pianoforte in cui, nel registro grave viene messo solo il basso dell'accordo ottavizzato (basso dell'accordo che non è per forza la nota fondamentale dell'accordo)
spesso vengono pure suonate delle quinte a mo di bordone e sarò poi nel registro medio.acuto che il pianistra costruirà il resto delle armonie.


Allo stesso tempo però è scorretto dire che non posso esistere accorde senza la terza, basta vedere i brani del 1400 oppure le armonie per quarte...
ma anche nel periodo barocco-classico  a volte l'ultimo "accordo" di un brano è un raddoppio della fondamentale, cioè tutte le voci che fanno la cadenza si muovono verso la tonica (evitando gli errori)  in modo da concludere con tutte le note che affermano la tonica.


dipende sempre dal contesto ciò che si può fare o non fare.


Per esempio accordi in posizione stretta nel registro grave possono essere utilizzati per effetti umoristici,grotteschi....