0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

sergiomusicale

Intervalli Giusti
Ottobre 02, 2011, 10:22:50 am
Ho trovato in rete una spiegazione che mi sembra molto valida del perché alcuni intervalli si chiamano "giusti" ed altri no. Fino ad ora avevo letto della presenza delle quarte e quinte come di intervalli giusti (con l'ottava) ma non mi era completamente chiaro il perché si dovessero chiamare così...avevo letto (dopo il Bona, la Poltronieri ed il Dacci) il corso di armonia del Pedron (edizioni Ricordi n.1509), il Bruno Coltro (edizioni Zanibon n.5814) ma non c'era accenno alla genesi del nome , se non per accenni a consonanze ed altro che mi parevano poco scientifici. Quindi ho iniziato la ricerca ed ho trovato in rete vari spunti finché sono arrivato ai seguenti articoli:

http://www.unisi.it/ricerca/prog/musica/linguaggio/intervallo.htm

http://www.scienzainrete.it/contenuto/articolo/Esperimenti-armonici-e-origine-della-rivoluzione-scientifica?page=2

Dai quali finalmente ho ricevuto spiegazioni chiare del perché, collegate anche alla storia della musica, che mi hanno anche allargato l'orizzonte verso altro sapere...provate a leggere anche Voi e commentate... ;-).

Bluedress

Re:Intervalli Giusti
Ottobre 04, 2011, 01:46:56 pm
Premettendo la mia ingoranza in materia, devo dire che si è trattata di una bella lettura, soprattutto il secondo articolo.
Ignoravo completamente gli studi di Pitagora sulla consonanza dei suoni e la sua teoria le migliori consonanze (ottenute dai rapporti tra i numeri più bassi: 1:2 per l’ottava,  2:3 per la quinta e 3:4 per la quarta e migliori appunto perchè usano i primi 4 numeri).
Quindi intervalli “giusti” in quanto sono quelli con miglior consonanza, quelli che all’orecchio umano risultano più gradevoli?
Molto interessante come riflessione…
Emanuela

Re Cremisi

Re:Intervalli Giusti
Ottobre 05, 2011, 06:46:42 pm
Per intervalli giusti si intendono quegli intervalli che non cambiano fra una scala minore e una maggiore (ma c'è un ma che vediamo dopo).
La quarta, la quinta e l'ottava (e ovviamente l'unisono) sono sempre lo stesso intervallo in una scala maggiore e minore.
La terza, la sesta e la settima invece cambiano; di conseguenza possono essere maggiori o minori.
La seconda è un po' bastarda: non cambia fra scala maggiore e minore (in entrambe le scale la seconda è Maggiore) MA esistono seconde maggiori e minori: Do Re è maggiore, Do Reb è minore! Perché cotanto mistero? (e qui parte la colonna sonora dello Squalo)
Perché esiste una regola estremamente comoda per trovare il rivolto di un intervallo (cioè l'intervallo con le note invertite, tipo Fa Do il rivolto è Do Fa). Questa regola dice che: un intervallo + il rivolto dello stesso = 9 e il rivolto di un intervallo giusto è a sua volta giusto, il rivolto di un intervallo minore è maggiore e il rivolto di un intervallo maggiore è minore.
Perciò, prendiamo la settima maggiore (Do Si): il rivolto sarà una seconda minore (Si Do) perché 7+2=9 e perché il rivolto di un intervallo maggiore è minore. Sa tanto di regola fatta ad hoc, e magari è vero, però aiuta! Se la seconda fosse stata giusta si avrebbe avuto che il rivolto di una Settima minore è una un intervallo giusto e il rivolto di una settima maggiore è un intervallo diminuito, quindi quella simpatica e comoda regola non sarebbe stata rispettata :) almeno a me spiegarono così.

Infine è vero che il nostro cervello percepisce come più gradevoli quelli intervalli il cui rapporto è molto semplice e più sgradevoli quelli con rapportacci brutti; però notiamo anche come con il temperamento equabile in realtà non esistano intervalli con quei rapporti! La quinta suonata sul piano o su un qualsiasi strumento accordato allo stesso modo ha un rapporto di 1 diviso la radice dodicesima di 2 alla settima (vorrei scriverlo con i simboli ma vabbè). Se noi calcoliamo questo valore otteniamo circa 0,66742, leggerissimamente diverso dallo 0,66666666... dell'intervallo giusto! (vale anche per gli altri intervalli eccetto l'ottava e l'unisono).
Meno male che la differenza è molto poca e poi il temperamento equabile ha vantaggi infiniti rispetto a tutti gli altri quindi il nostro cervello è così gentile da adattarsi a questi rapporti un po' strani.
Anzi, non sono nemmeno rapporti in quanto sono numeri irrazionali, non esprimibile mediante il rapporto di due interi  :)
Spero di non aver scritto troppe cazzate  :P
Il pianoforte è come la nutella, ma in effetti ci sono delle lievi differenze fra le due cose.

perna giuseppe

Re:Intervalli Giusti
Dicembre 05, 2011, 12:36:54 am
Il Web
Il Web     
.
 
lunedì 5 dicembre 2011
COMPOSIZIONE-IMPROVVISAZIONE INTERVALLARE n.1
 
ESEMPIO DI UTILIZZO CROMATICO- MODALE  DEGLI INTERVALLI
La composizione-improvvisazione è ascoltabile eseguendo copia/incolla sul segente link.
http://www.divshare.com/download/15059119-9bb

Si tratta di un brano nel quale l'armonia di fondo è tratta dal III° Modo a Trasposizione Limitata. Da tale modo sono estratti sia la line di mano sinistra che quella di mano destra. La line melodica viene poi cromatizzata adoperando il metodo della "improvvisazione intervallare".
Vengono adoperati due tipi di intervallo e cioè l'intervallo di semitono e l'intervallo d terza minore, quest'ultimo anche invertito.
L'idea armonica generale converge verso un minore aeolian che in questo caso si identifica con C Aeolian.

perna giuseppe

Re:Intervalli Giusti
Dicembre 18, 2011, 07:45:06 pm
Per gli appassionati di "Armonia contemporanea" ed Armonia modale"
http://www.armoniamodale.blogspot.com/
http://www.facebook.com/#!/groups/62784792657/

*

sergiomusicale

Re:Intervalli Giusti
Dicembre 21, 2011, 11:28:34 am
Caro Giuseppe, io capisco che la passione possa portare a vedere il mondo con occhi diversi, ed a dare importanza in maniera diversa alle cose, ma la tua maniera di procedere su questo forum mi sembra un pò troppo di parte; mi sembra che tu voglia non discutere ma imporre la tua visione, e lo stai facendo in maniera troppo pesante, mi spiego meglio, quando in un topic si danno delle indicazioni, non occorre poi spazzolare tutti gli altri argomenti e ripetere in modo identico lo stesso messaggio, questo viene interpretato come spam!, non credere che chi legge il forum sia così cieco o non legga le tue indicazioni. Basta una indicazione, grazie!!! e ti do un consiglio, allarga la tua visione, scoprirai un mondo così come noi abbiamo incamerato le tue idee (ma non è detto che si sia obbligati a seguirle) così tu potrai apprezzare il contributo degli altri (che non sarai obbligato a seguire!). Mi dispiacerebbe che alla fine il tuo comportamento ti portasse ad essere "bannato". Con l'augurio di averti dato dei consigli validi, che spero vedrai in una luce positiva e di collaborazione di saluto e ti auguro BUONA MUSICA!!!

*

Giulio

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1367
  • La musica vale più di mille parole
    • MSN Messenger - giuggio184@yahoo.it
Re:Intervalli Giusti
Gennaio 10, 2012, 12:50:20 pm
Grazie Sergio per la discussione e per aver espresso chiaramente anche un pensiero che noi condividiamo.

perna giuseppe

Re:Intervalli Giusti
Gennaio 13, 2012, 02:59:01 pm
La musica è un'erba spontanea, non una pianta da giardino.

bruno ben

Re:Intervalli Giusti
Febbraio 12, 2012, 08:57:09 pm
Grazie Sergio, era da tempo che me lo chiedevo anche'io.