0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

perna giuseppe

Re:ARMONIA MODALE CONTEMPORANEA
Dicembre 15, 2011, 12:31:10 am
invito gli amici interessati ad iscriversi al seguente link ove s tratta in maniera spcifica di "ARMONIA CONTEMPORANEA"
http://www.facebook.com/#!/groups/62784792657/

*

Christian

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1351
  • Tutti i corsi approfonditi: https://www.pianosolo.
Re:ARMONIA MODALE CONTEMPORANEA
Dicembre 15, 2011, 11:00:14 am
Giuseppe, hai inviato 3 volte lo stesso Messaggio! questo è SPAM. Per ora li ho eliminati...
Tutti i corsi di pianoforte approfonditi: https://www.pianosolo.it/shop/

Re:ARMONIA MODALE CONTEMPORANEA
Dicembre 15, 2011, 11:40:39 am
forse l'armonia modale è "imprevedibile" ma soprattutto è "caratteristica" cioè
se uno sente uno dei brani dai quadri di una esposizione di Mussorgsky, per esempio il "vecchio castello" basato su succesioni "frigie" capirà subito che si tratta di una composizione di un autore "slavo" (per slavo intendo russi, Serbi... Ucraini...)
cosi come si capisce che un brano è dell'est europa se utilizza la cadenza frigia con il tetracordo alla melodia (vedi trattato d'armonia di Rimsky-Korsakov)

se sentiamo un seconda aumentata possiamo intuire che il brano è "arabeggiante"
tutte queste differenze sono "modali" perchè derivano da un utilizzo di successioni melodiche che variano in base al modo, o concatenazioni armoniche

perna giuseppe

Re:ARMONIA MODALE CONTEMPORANEA
Dicembre 15, 2011, 06:41:56 pm
Andrea, condivido perfettamente. Infatti nelle mie composizioni i modi Ionian,Mixolidyan, sono praticamente assenti, uso molto il locrian il phrygian, l' Aeolian perchè li ritengo molto più espressivi e danno molto più spazio alla cromatizzazione , soprattutto il locrian che manca dela quinta giusta e quindi non essendo per questo motivo inquadrabile nel ciclo delle quinte, e non essendo una stazione tonale, non possiede i vincoli di "gabbia tonale " a cui sino sottoposti tutti i modi che possiedono una quinta giusta, per cui è notevolmente cromatizzabile e dà una illimitata possibilità espressiva. Grazie del tuo contributo, Però noto che il nostro discorso sta limitandosi a noi due. Mi piacerbbe tanto dimostrare con la pratica ciò chesi dice nel forum.
Ultima modifica: Dicembre 15, 2011, 06:45:01 pm da perna giuseppe

Re:ARMONIA MODALE CONTEMPORANEA
Dicembre 16, 2011, 02:28:18 pm
credo che ci siano molti che leggono questa discussione, ma magari non intervengono perchè non se la sentono o preferiscono leggere.

Però sarebbe molto interessante anche i loro pareri sull'armonia modale, cosa ne pensano, dove la usano...

sul discorso sulle quinte: si i modi che hanno la quinta giusta possono avere qualche parvenza di "attrazione tonale" ma può essere anche che l'intervallo di quinta giusta può essere usato proprio per dare il senso di modalità specie in brani costruiti si accordi per quinte, o dove le quinte vuote sono utilizzate come "colore" e non come tonica e dominante sovrapposte.


ho utilizzato questo modo di comporre in un mio brano per archi di qualche anno fa "saltarello" e mi ritengo soddisfatto

perna giuseppe

Re:ARMONIA MODALE CONTEMPORANEA
Dicembre 16, 2011, 05:59:29 pm
Bisogna comunque dire, che tutte le scale sono estratte dalla scala cromatica e le note mancanti in realtà non è che non esistono, sono semplicemente latenti.

Re:ARMONIA MODALE CONTEMPORANEA
Dicembre 16, 2011, 08:22:47 pm
sono note che possono essere usate di passaggio... o note di volta, o appoggiature... per esempio.

Un'altra discorso è quando si armonizza una scala modale (per esempio quella esatonale)  con accordi le cui note note non fanno necessariamente parte della scala.

per esempio armonizzare la scala esatonale con accordi maggiori o minori, cosa che sarebbe impossibile usando solo le note della scala esatonale, che solitamente si armonizza con accordi aumentati

perna giuseppe


perna giuseppe

Re:ARMONIA MODALE CONTEMPORANEA
Dicembre 18, 2011, 07:38:15 pm
Per gli appassionati di "Armonia contemporanea" ed Armonia modale"
http://www.armoniamodale.blogspot.com/
http://www.facebook.com/#!/groups/62784792657/

perna giuseppe

Re:ARMONIA MODALE CONTEMPORANEA
Dicembre 20, 2011, 12:42:51 am
ARMONIA.
In effetti la parola deriva dal greco "armonia" che signifca: collegamento, giuntura, connessione, e dal verbo "armozo" : collego, connetto, unisco.
Quindi nell'armonia tonale un suono preso da solo comunqe non ha valore; assume valore in rapporo ai suoni precedenti e successivi in quanto si crea la cosiddetta linea melodica, lo stesso discorso valga per gli accordi la cui sequenza stabilita in base alle regole tonalistiche assume un significato che ad oggi, dopo anni e secoli di tonalismo, piace ancora di più in quanto è diventato prevedibile da parte dell'ascoltatore.
La musica che utilizza i modi soltanto in quanto tali e/o con un'ottica tonalistica giustamente non contiene armonia in quanto non esiste una sequenza di accordi che abbia un andamento cadenziale o finalistico come nella musica tonale.
Questo è vero finchè
1) la musica modale viene vista dal punto di vista tonale.
2) fino a che la musica modale si propone attraverso brani che utilizzino un solo modo nella forma non alterata.
 punto 1):
Una sequenza di accordi della musica tonale crea "armonia" sulla base delle "qualità dinamiche di un gruppo di accordi"(concetto che d'ora in poi definirò con il termine anglosassone"Contour".)
Nella musica modale esiste la possibilità di creare il "contour".
E questa possibilità esiste anche nelle composizioni che utilizzino un solo modo.
Il contour ha per fine la creazione di un senso logico che colleghi gli accordi. Nell'armonia tonale la creazione del "contour" ha delle regole,BASATE SU CRITERI LOGICI, che conosciamo ( tipo II-V-I, cascata di quinte alla Gershwin, Coltrane changes, turn around vari....).
Nella musica modale esistono altre regole che ci permettono di creare un contour e sono basate su altri principi ad esempio sul concetto di tensione e distensione tonale: La disposizione dei semitoni in una scala modale(es: Phrygian),determina il suo grado tensivo, rispetto ad un'altra scala modale nella quale i semitoni hanno un'altra disposizione(es: Mixolydian).Di conseguenza l'utilizzo di scale modali fatto in base a certe regole crea un contour basato su ALTRI CRITERI LOGICI e quindi una "connessione" tra gli accordi ed i modi utilizzati che merita il nome "ARMONIA".

punto 2):
L'utilizzo di un solo modo nella forma non alterata è giustamente privo di armonia in quanto vengono a mancare le tensioni e le distensioni viene a mancare il contour modale come descritto brevemente nella risposta precedente.
Anche quì comunque esiste il modo per creare distensione e tensione e per creare un contour!
La possibilità ci viene data dall'utilizzo dei modi alterati.
Questi sono i modi tradizionali nell'ambito dei quali si introducono le "note mancanti". Mi spiego meglio: se ad esempio partiamo dal modo base -C Lydian- in un brano monomodale, le note presenti nella scala sono qelle che tutti conosciamo. Le note mancanti sono Db-Eb-F-Ab-Bb.(Ricordiamoci che qualsiasi scala è un estratto della scala cromatica e quindi le note mancanti sono in realtà note " non suonate" ma non "note non esistenti" nella scala scelta: Introducendo tali note una alla volta oppure anche più di una per volta otteniamo le "scale modali alterate". Desidero fare un esempio semplificativo:
Se introduciamo Db avremo altri accordi ed altre linee melodiche come la triade Db/F/A, se introduciamo Eb avremo la triade Eb/G/C o altre triadi come ad es Eb/G/Bb ed altre linee melodiche e così via. Tutte queste nuove forme accordali si sovrappongono al cantus firmus del C Lydian in forma poliaccordale, contrappunistica o polifonica creando situazioni a carattere bitonale ecc....
Questo tipo di approccio alla scala modale fa sì che una scala modale alterata in vario modo con l'aggiunta delle note mancanti è in grado di creare situazioni di tensione e distensione tonale con introduzioni di vari nuovi accordi e linee melodiche che si sovrappongono al modo base creando un "contour" e quindi l' ARMONIA. La logica che connette le varie forme accordali e tramite la quale scegliere le note mancanti da suonare ESISTE e brevemente tale logica agisce in funzione del grado di dissonanza creato dalla nota scelta da inserire. Infatti ogni nota mancante è inserita im un "livello di dissonanza" secondo la logica IN-OUT.

*

Paola

Re:ARMONIA MODALE CONTEMPORANEA
Dicembre 20, 2011, 04:06:08 pm
Per gli appassionati di "Armonia contemporanea" ed Armonia modale"
http://www.armoniamodale.blogspot.com/
http://www.facebook.com/#!/groups/62784792657/

Come moderatore del forum mi va bene lo scambio democratico di idee su un argomento, ma questi link sono stati ripetuti un pò troppe volte. L'argomento è interessante e credo che gli interessati verranno a visitare i tuoi siti Giuseppe.
Grazie mille.

perna giuseppe

Re:ARMONIA MODALE CONTEMPORANEA
Dicembre 20, 2011, 06:01:53 pm
Ciao Paola, chiedo scusa per ciò che mi hai fatto presente, vorrei soltanto fare presente che di professione sono medico dentista ed al di la della cultura musicale non c'è niente altro che muova il mio agire. La ma intenzione è quella di gettare un sasso nello stagno, o meglio in una cultura musicale stagnante e ripetitiva. Spero che "pianosolo" condvida questa opportunità.
Ultima modifica: Dicembre 20, 2011, 06:08:44 pm da perna giuseppe

*

Paola

Re:ARMONIA MODALE CONTEMPORANEA
Dicembre 20, 2011, 08:14:24 pm
Ciao Giuseppe, condivido quello che dici, infatti non ho nulla da obiettare.
L'argomento, anche per la discussione che ne è scaturita e che personalmente trovo stimolante, è molto interessante e poco affrontato, anche per una certa complessità intrinseca.
Quindi ben venga il tuo competente e prezioso contributo. Non era nelle mie intenzioni muovere alcuna critica, ho solo rilevato una ripetizione un po' prolissa di alcuni link, che credo i nostri amici del forum abbiano visitato se tale argomento risulta naturalmente di loro interesse.
Per il resto condividiamo lo stesso obiettivo, quindi non ci sono problemi, anzi, ripeto, ti ringrazio per il tuo intervento.