Imparare le scale in funzione del pezzo da suonare
« il: Maggio 28, 2015, 10:56:28 am »
avete esperienza su questo approccio allo studio?

Alcuni testi dicono che non ha molto "senso" studiare cose che poi non si usano o non si useranno mai quindi, per ottimizzare i tempi di appprendimento e studio mi chiedo se esistono prove certe le quali: dato un brano in Eb e studiata solo la scala maggiore in Eb e relativa minore portano a benefici più immediati nell'esecuzione di un brano.

grazie
« Ultima modifica: Maggio 28, 2015, 12:35:18 pm da mark_c »

Re:Imparare le scale in funzione del pezzo da suonare
« Risposta #1 il: Maggio 28, 2015, 11:50:54 am »
Dipende qual è l'impegno che vuoi dedicare allo studio, e quali sono i tuoi obiettivi.
Conoscere e studiare tutte le scale, a mia modestissimissima opinione, ti consente di avere una visione completa che ti permetterà di passare senza problemi da un pezzo all'altro, e di avere, se ne avrai voglia, una buona base su cui poi approfondire anche l'armonia.

Re:Imparare le scale in funzione del pezzo da suonare
« Risposta #2 il: Maggio 28, 2015, 12:42:18 pm »
scusa ma non intendevo dire di non studiare tutte le scale ma usare un approccio allo studio diverso. Studio una scala in base al pezzo e se poi voglio trasporre il brano in una scala diversa studio anche quella scala diversa: sarebbe efficace come metodo di studio allo scopo di ottimizzare il tempo o in ogni caso si perde qualcosa e se si, cosa?
« Ultima modifica: Maggio 28, 2015, 12:49:54 pm da mark_c »

Re:Imparare le scale in funzione del pezzo da suonare
« Risposta #3 il: Maggio 28, 2015, 01:09:20 pm »
Ciao,
tranquillo, si capiva dal tuo post che stai provando un metodo alternativo per ottimizzare i tempi, e infatti, a questo proposito all'inizio della risposta ti chiedevo il livello e gli obiettivi che hai con lo studio..Fai il conservatorio? Fai lezioni finalizzate a conseguire esami?, suoni solo per hobby? che pezzi in genere suoni?
In base a questo magari si possono esprimere meglio i vantaggi del metodo che vuoi seguire. Io, da ex studente di piano "serio" (adesso suono per lo più altre cose), ti dico che proprio lo studio completo e sistematico delle scale (a prescindere dal pezzo), mi ha dato una scioltezza e una visione mentale che mi è servita poi anche in altri generi. Quando hai una solida base puoi fare proprio di tutto, e il tuo "pianismo" diventa proprio senza limiti.
Poi, però, se mi dici che i tuoi obiettivi sono altri, magari il tuo metodo si rivela più efficace  ;) :)
« Ultima modifica: Maggio 28, 2015, 01:13:18 pm da Carlo1976 »

Re:Imparare le scale in funzione del pezzo da suonare
« Risposta #4 il: Maggio 28, 2015, 02:58:41 pm »
dunque, il mio obbiettivo sarebbe quello di arrivare a leggere uno spartito non troppo complesso, per ora e suonarlo con una certa disinvoltura.

Ho inziato a Ottobre a seguire lezioni in una scuola ma per come sta andando il corso ho perso molta fiducia verso i metodi adottati e coloro che insegnano.
Prima di questa avventura, lo scorso anno avevo seguito un ciclo di 5 lezioni e quell'insegnate mi aveva insegnato la scala a di Sol maggiore e relativa minore attraverso un brano scelto da lui. Tale scala quindi l'ho imparata inconsciamente. Ora per tutti i brani in Sol maggiore mi viene istintivo premere il FA# in luogo del FA.

Forte di questa esperienza volevo affrontare il problema delle scale partendo dal problema, il brano, e da questo attrezzarmi via via con le varie scale.

Ora ad esempio sono alle prese con Sophisticated Lady il brano di Duke Ellington, brano che attualmente mi riesce di suonarlo ma piuttosto lentamente. E' un brano in Ab e per tale occasione sto studiando questa scala maggiore e relativa minore. Il problema è che mentre sulla tastiera ricordo perfettamente quali note appartengono a questa scala, leggendo le note sullo spartito per la scala Ab devo fermarmi e ragionare: è bemolle o no?

A questo punto dico tra me e me, ma allora non ho un problema nel riconoscere le scale sulla tastiera ma ho un problema a mettere in relazione la nota sul pentagramma e la sua alterazione o meno; premere il tasto corrispondente poi mi è quasi automatico.

Detto questo chiedo se attraverso scale mirate prese magari dal Tommaso Alati risolvo il problema.

Re:Imparare le scale in funzione del pezzo da suonare
« Risposta #5 il: Maggio 28, 2015, 05:07:17 pm »
Io la vedo in questo modo:

Se è il tuo primo approccio al pianoforte e le tue conoscenze si limitano a quelle poche ore di lezione che hai fatto, io non ti consiglio di prendere un'indigestione studiando una scala dietro all'altra senza uno scopo. Io direi che inizialmente potrebbe andar bene il tuo approccio, purché quando stai studiando un brano in una certa tonalità tu ripassi comunque quella scala tutti i giorni. Poi quando passi a un altro brano in un'altra tonalità, non dimenticare di ripassare comunque la scala che hai già fatto. Bisognerebbe portare ambedue le cose di pari passo senza dimenticare quello che hai già studiato. E per non dimenticare, l'importante è tenere costantemente fresche le cose allenandoti.

Va bene imparare una scala strada facendo mentre si studia un brano, ma penso che studiare una scala per se stessa (magari anche prima di affrontare il brano) sia importante, perché farla in modo preciso, pulito, costante e, se possibile, veloce (con il tempo) diventa un importante esercizio di tecnica dove vedrai dei progressi nella tua scioltezza, nella velocità, ecc.
Potresti fare così:

Per esempio: scala di Sol maggiore (da sola) + brano in tonalità Sol maggiore + Scala di Sol maggiore
Poi, per esempio: scala di Do maggiore (da sola) + brano in tonalità Do maggiore + Scala di Do maggiore + di nuovo scala di Sol maggiore
E così via tutti i giorni. Se stai più giorni su un brano di una stessa tonalità, ripetere comunque la scala anche separatamente.

Direi di lasciare stare per il momento le scale che cominciano da un tasto nero. Per il momento ti bastano le scale maggiori e minori (per ora potrebbe bastare moto retto a 2 ottave)

Re:Imparare le scale in funzione del pezzo da suonare
« Risposta #6 il: Maggio 28, 2015, 05:42:47 pm »
ti ringrazio per i preziosi consigli che seguirò alla lettera in quanto li considero ottimi.

Per quanto riguarda invece il riconoscimento delle note sul pentagramma, ad esempio nella scala di La♭ maggiore ho: LA♭ SI♭ DO RE♭ MI♭ FA SOL come riuscire ad associare/ricordare che il LA non è un tasto bianco, per intenderci, ma uno nero? E' solo una questione di esercizi in quantità con le scale e se si, vi sono esercizi mirati per rinforzare il riconoscimento?

grazie ancora
« Ultima modifica: Maggio 28, 2015, 06:10:19 pm da mark_c »

Re:Imparare le scale in funzione del pezzo da suonare
« Risposta #7 il: Maggio 28, 2015, 10:17:58 pm »
Per questo ti dicevo che era presto per fare quelle scale lì. Meglio cominciare dalle scale che non iniziano con un tasto nero ;-) Il consiglio che ti do è di non cominciare a costruire la casa dal tetto! Altrimenti ti areni subito.

Re:Imparare le scale in funzione del pezzo da suonare
« Risposta #8 il: Maggio 29, 2015, 09:13:32 am »
Mi associo al consiglio di Maria pianista, visto che hai pochi mesi alle spalle di lezioni, ed è meglio non bloccarti subito (psicologicamente, soprattutto..) su cose troppo complicate

Re:Imparare le scale in funzione del pezzo da suonare
« Risposta #9 il: Maggio 29, 2015, 11:07:09 am »
Per questo ti dicevo che era presto per fare quelle scale lì. Meglio cominciare dalle scale che non iniziano con un tasto nero ;-) Il consiglio che ti do è di non cominciare a costruire la casa dal tetto! Altrimenti ti areni subito.

è sufficiente dirti grazie?  :)
Comunque cercavo di capire come si forma l'associazione note lette sullo spartito in una determinata scala e pressione dei tasti giusti ma mi sembra di capire che non ci sono trucchi o strategie, ma solo molta pratica attraverso gli esercizi.

grazie ancora