0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Gabriele 1978

Il tocco sul tasti
Gennaio 23, 2018, 06:53:44 am
Salve....
Vi chiedo un consiglio su come impostare e utilizzare le dita sui tasti del piano....
Può sembrare sciocco, ma per me non lo è....
Chi mi dice di sentire il fondo del tasti ma non di appoggiarmi...
Chi di rimanere ad una certa distanza e può muovere le dita e di conseguenza i tasti....
Mah....
È vero il suono cambia moltissimo ma non so quale sia la posizione e il tocco da cercare di imitare....
Grazie a tutti.
Gabriele

*

guc

Re:Il tocco sul tasti
Gennaio 23, 2018, 10:29:38 am
Esistono diversi tipi di “tocco” a seconda dell’effetto che si vuol dare al suono, ma in linea di principio le dita devono “cadere” sui tasti.
Immagina che il dito sia un martello che deve schiacciare un chiodo. Devi lasciarlo cadere sul tasto sfruttando il suo stesso peso. A seconda dell’intensità del volume che si vuole ottenere bisogna lasciarlo cadere da un’altezza sempre maggiore sfruttando quindi via via il peso del dito, della mano, dell’avambraccio, del braccio, della spalla…

Poi, sempre in linea di principio perché la realtà è ben più complessa, quando schiacci i tasti bianchi dovresti tenere le dita più incurvate cioè perpendicolari al tasto, mentre quando schiacci i tasti neri dovrebbero essere più piatte.

Ultima cosa che aggiungo è buona norma schiacciare il tasto il più interno possibile, cioè verso il mobile del piano. Questo per ridurre al minimo lo spostamento della mano tra tasti bianchi e neri.

Ovviamente si potrebbero dire tante altre cose, ma forse servirebbero solo a confondere le idee.
Spero sia tutto chiaro

Gabriele 1978

Re:Il tocco sul tasti
Gennaio 23, 2018, 08:06:16 pm
Grazie infinite...
ho ancora dei dubbi....
Cerco di spiegarmi meglio...
Innanzitutto sono un principiante quindi  :o :o
cosa significa far cadere sui tasti le dita?? un po di pressione la devo fare altrimenti il tasto giu non va...
Il mio maestro dice che sono piuttosto irruento sulla tastiera... ed effettivamente quando mi spiega quale è il metodo giusto la differenza è sostanziale!! :-[ :-[
ora sto cercando di allentare questo difetto, ma è complicato:
mi viene detto che devo sentire il fondo del tasto, ma al tempo stesso devo "accompagnare" il tasto cercando un suono morbido....
la posizione della mano inoltre deve rimanere parallela alla tastiera, oppure no? e' il dito che scende tenendo ferma e parallela la mano o la mano lo deve accompagnare??
la mano deve essere "sorretta" dal avambraccio o deve appoggiare sul fondo dei tasti??
ed infine: cercando la scioltezza e la "non tensione" si riesce a fare questo benedetto tocco ed evitare irruenza??
scusate se sono noioso, ma sono sicuro che per chi impara dall inizio queste siano cose importantissime,....

Grazie ancora

*

guc

Re:Il tocco sul tasti
Gennaio 24, 2018, 09:06:13 am
L'intensità del suono dipende solo ed esclusivamente dalla velocità con cui il martelletto colpisce la corda.
Tu puoi ottenere questa velocità o con la forza muscolare cioè premendo sul tasto oppure usando la forza gravitazionale sfruttando, cioè, il peso stesso del dito, della mano ecc... più alto è il corpo che cade e più velocità acquisisce (la fisica può non piacere ma in questo caso è molto utile).
Ovviamente il primo modo è molto più faticoso ed è per questo che si tende ad evitare (o meglio a ridurre).
Questa è la teoria, è chiaro che metterla in pratica non è facile e ci vuole tempo.
Però puoi fare una prova. Prova a far cadere la mano a peso morto sulla tastiera, fregatene di che tasto schiacci. Prova prima da 5 cm e poi da 20 e sentirai la differenza! (senza quasi fare sforzo).

La mano deve accompagnare il movimento. Le dita sono di lunghezze diverse, la mano è fatta per stare verticale e il peso viene distribuito in maniera diversa a seconda dell'inclinazione.
Perciò, in linea di principio, quando usi il pollice la mano deve essere leggermente inclinata verso l'interno. Quando usi l'indice la mano è quasi orizzontale e via via che ti sposti verso il mignolo la devi inclinare sempre di più verso l'esterno.

Detto tutto ciò, fai quello che ti dice il maestro! Meglio di lui non c'è nessuno che può conoscere la tua mano e i tuoi "difetti"

Gabriele 1978

Re:Il tocco sul tasti
Gennaio 24, 2018, 08:21:44 pm
grazie infinite...
si hai ragione ci vuole tempo...
ma la volontà c'è...

A presto!!!