0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

giovicalo

Hanon e metodo di studio
Aprile 24, 2017, 09:30:40 am
Salve a tutti;
sto cercando di prendermi il tempo di studiarmi l'Hanon un po' più seriamente di quanto fatto nel passato; ho acquistato il corso specifico relativo a tale metodo ma mi si presenta sempre una domanda:
quanto meno nei primi esercizi c'è l'indicazione del tempo di esecuzione 60/108 ma nel contempo nel metodo c'è scritto che una volta appreso ad esempio il primo esercizio, di passare direttamente al secondo senza interruzione di continuità; ora se io inizio con un tempo di 60, è meglio passare ai successivi esercizi in maniera continuativa sempre con il tempo di 60 e poi man mano aumentare la velocità di tutto 'il blocco' di esercizi dal primo all'ultimo senza interruzioni oppure è meglio fare il primo esercizio a velocità e poi, solo dopo esser riuscito ad eseguirlo con scioltezza (ad es. a 100), passare al secondo e così di seguito?
Grazie a tutti.
Giovanni

*

Paola

Re:Hanon e metodo di studio
Aprile 24, 2017, 11:34:08 am
Ciao, nella mia esperienza il passaggio da un esercizio all'altro senza soluzione di continuità può avvenire solo quando si ha sufficiente pratica di tutti.
Quindi ti consiglio di farli bene singolarmente e poi semmai di tentare di eseguirli in maniera continuativa, ma solo quando li padroneggi alla perfezione.

Ricorda che soprattutto all'inizio la velocità è un fattore secondario, bada piuttosto alla correttezza della diteggiatura e falli molto lentamente, perchè con l'Hanon si rischia spesso di farsi male.

Non forzare.

*

maria_pianista

Re:Hanon e metodo di studio
Aprile 26, 2017, 07:50:05 am
Concordo con Paola. Se non vuoi stare sempre sullo stesso esercizio fino a quando arrivi a poterlo fare alla velocità indicata (che è solitamente parecchio alta), puoi prenderne, per esempio, 3 per volta, ma non di più. Anche perché i primi sono molto simili e rischi di fare confusione. Invece ogni esercizio serve a una cosa o a un dito. E secondo me non ocorre neanche arrivare alla velocità giusta se non ce la fai presto, basta che arrivi a farlo più velocemente rispetto all'inizio, ma sempre con precisione e articolando bene. Per la velocità possono aiutare le varianti ritmiche, magari a pezzettini. In questo caso preciso di questi esercizi, se ti aiuta, puoi usare il metronomo e aumentarlo di pochissimo per volta.
Ultima modifica: Aprile 26, 2017, 07:52:04 am da maria_pianista

*

e444

  • Principiante
  • Mostra profilo
  • *
  • 8
  • 31 anni di pianoforte... e non sentirli...
Re:Hanon e metodo di studio
Aprile 26, 2017, 11:51:46 am
L'Hanon.... mamma mia... e che ricordi.... quasi quasi una ripassata glie la do!...  ;D

Mi spiace non aver letto il consiglio che ho sempre dato a tutti... "Mai correre per arrivare subito alla meta".
Seppur non abbia mai eseguito gli esercizi continui, credo che la cosa più importante sia farli bene.
Non aver fretta di arrivare, fatti il numero 1 a 60bpm, e quando inizi a sentire una certa sicurezza nell'uso delle dita, e soprattutto una certa "scioltezza".
Ricorda che non è la velocità che conta... ma la concentrazione nel farlo bene, rilassando le mani e non irrigidendo le dita che non usi.
Spesso il voler correre porta a un meno rilassamento e questo, a lungo andare, potrebbe diventare un problema.
Sembra strano ma alcuni esercizi, sono quasi più mentali che non fisici.
l'Hanon è un ottimo "sgranchidita", specialmente l'esercizio n°5, che mi ha tenuto al pianoforte svariati pomeriggi... altro che ore... quindi, non avere fretta nell'arrivare a farli di continuo, lavora PIANO al singolo esercizio finchè hai la totale padronanza del controllo delle dita e del rilassamento... fatto questo... puoi passare all'esercizio numero 2.
Ricordati solo una cosa... la "velocità" è il tuo peggior nemico! ma l'otterrai nel tempo... io arrivai a farlo pure a circa 120bpm (se non ricordo male)... ma non mi ero mai prefissato di farlo in quel modo... quindi... non ti preoccupare del "dopo"... quello arriverà da se.
Sembra strano... ma il modo migliore per studiare... è proprio farlo lentamente... e questa cosa in molti fanno fatica a capirlo!.
Quando ho dato lezioni io di pianoforte... facevo sempre riferimento alle "moviole" calcistiche... e cioè che solo andando a rallentatore scopri gli errori e le magagne... ed'è li che si deve intervenire.   ;)
Buono studio!...  :D

*

maria_pianista

Re:Hanon e metodo di studio
Aprile 26, 2017, 03:27:25 pm
È vero quello che dici sullo studio lento, ma io penso che se questo vale per lo studio di qualsiasi brano, per gli esercizi di tecnica che servono proprio ad acquisire velocità, non appena si sono fissate le diteggiature giuste, è bene spingersi un pochettino, altrimenti uno può stare con un esercizio del Hanon un mese e a quel punto non ne vale la pena. Si riuscirà sempre a farlo lento ma la tecnica e la velocità non si sanno acquisite. È la mia opinione, naturalmente.

*

e444

  • Principiante
  • Mostra profilo
  • *
  • 8
  • 31 anni di pianoforte... e non sentirli...
Re:Hanon e metodo di studio
Aprile 26, 2017, 07:06:31 pm
Ho solo detto che il virtuosismo lo si acquisisce nel tempo... e che è sbagliato partire per arrivare subito li!... non ho detto che non ci si deve arrivare... tant'è vero che ho pure detto che io l'hanon me lo sono fatto pure a 120...

tutto qui.  :)

purtroppo molti sbagliano perche pensano di partire subito a manetta... ed'è sbagliato... com'è sbagliato fare l'hanon la prima volta a 60 e la quarta volta lo fai a 100 perche sai che va fatto veloce!...

...non si devono bruciare le mete  ;)

*

maria_pianista

Re:Hanon e metodo di studio
Aprile 27, 2017, 05:41:18 pm
Scusa, sei stato tu a fare la domanda. Si vede che ti sei dato da solo la risposta che fa per te. Io ti ho risposto esclusivamente in base alla mia esperienza e ti ho detto quello che penso.  ;) Fra l'altro mi sembra improbabile e un tantino pretenzioso usare il termine "virtuosismo" quando si iniziano a fare gli esercizi del Hanon, sia che si facciano a 60 che a 120 o a 200. Bisognerebbe vedere poi cosa intende ciascuno per "virtuosismo". Comunque quello è un altro discorso.

Alessia78

Re:Hanon e metodo di studio
Luglio 22, 2017, 10:21:09 am
Mi inserisco con lo studio dei primi 5 ...riesco a farli anche di fila...ancora da aggiustare ovviamente...studio da tre mesi...l'insegnante è in vacanza...mi succede che con il metronomo non riesco a trovare il mio tempo...senza vado abbastanza velocina...sicuro più di 60,   ma se metto il metronomo non riesco a raggruppare le note ad ogni battito...ma che problemi ho????

*

Roberto S. Persi

Re:Hanon e metodo di studio
Luglio 22, 2017, 10:40:56 am
Il metronomo non è un dogma, ma forse se usandolo ti si creano problemi di mantenimento del giusto ritmo qualche cosa che non funziona c'è. Forse credi di andare più "velocina" senza uso del metronomo ma non è detto che tu vada con il tempo corretto. Allora è maglio impostare una velocità più bassa e stare correttamente all'interno delle battute e solo poi aumentare progressivamente.
All'inizio la correttezza dell'esecuzione è sicuramente molto più importante della velocità, altrimenti c'è il rischio di trascinarsi nel tempo errori e problemi (prova solo a pensare cosa potrebbe succedere se ti trovassi a suonare con altri senza riuscire a rispettare i tempi giusti).
L'importante è partecipare