Post recenti

Pagine: [1] 2 3 ... 10
1
Presentiamoci / Re:Ciao a tutti! Presentazione
« Ultimo post da sergiomusicale il Oggi alle 07:55:52 am »
Perfetto!!!!! adesso con calma inizia il tuo percorso e trova ogni volta soddisfazione in quel che fai, che siano esercizi, teoria od esecuzione di brani, quando hai terminato ti devi sentire felice di aver montato un piccolo scalino verso la vetta  ::)...sarà lunga, ma ci arriverai! buona musica   ;)
2
Presentiamoci / Re:Ciao a tutti! Presentazione
« Ultimo post da Il Berna il Oggi alle 12:07:26 am »
Alea iacta est!!!
Il primo, importante  è stato fatto... ;)

Yamaha P35... Mi sembra un buon usato...
E ora sotto con esercizi introduttivi :)
3
Di tutto e di più / Re:Suonare ad occhi chiusi
« Ultimo post da Pianoth il Settembre 23, 2017, 02:48:43 pm »
Esatto, suonare ad occhi chiusi, come ho scritto già da qualche altra parte, è un esercizio fondamentale per acquisire confidenza con la tastiera, quindi migliorare la lettura a prima vista (dato che si forma meno necessità di guardare la tastiera, permettendo di andare avanti con la lettura mentre si suona), e migliorare in generale l'accuratezza. Molto utile praticare anche scale e arpeggi ad occhi chiusi. È importante anche sapere suonare ad occhi aperti comunque, guardare la tastiera è comunque molto utile talvolta, aiuta nella memorizzazione, aiuta ovviamente a prendere più rapidamente e con più sicurezza salti molto ampi, e aiuta anche a controllare se ci si sta muovendo in maniera un po' scorretta.
4
Di tutto e di più / Re:Suonare ad occhi chiusi
« Ultimo post da sergiomusicale il Settembre 23, 2017, 01:23:30 pm »
Per me è fondamentale!!! me ne sono accorto e adesso è un esercizio fondamentale che faccio ogni volta che mi metto davanti alla tastiera: chiudo gli occhi, allargo le braccia per trovare gli estremi e quindi mi posiziono con il panchetto centrandolo sul MI-FA centrale ed inizio per alcuni minuti a cercare le note, prima tutti i do, sia con la destra e la sinistra, poi altre note intermedie. se sbaglio apro gli occhi e controllo e ricomincio, spesso riconosco l'errore ad orecchio e correggo direttamente. Le dita si abituano a percepire l'abbinamento  si-do mi-fa ma vorrei arrivare ad avere ancora maggiore sensibilità. Ho notato che con il tempo le ottave si visualizzano nella mente e questo mi è risultato fondamentale per la lettura a prima vista e per l'improvvisazione, tra l'altro ho visto che occorre pratica per arrivare a leggere brani interi, perché all'inizio la mente si stanca molto...non riuscivo a fare che poche batture e poi iniziavo a sbagliare moltissimo.  Altro fatto è quello di lasciar scorrere il passaggio quasi "estraniandosi"...se si riesce a sentire il rilassamento è tutta un'altra cosa, così come riuscire ad alzare le dita senza doversi sempre riferire alla nota precedente...ma anche questo è per me assai difficile. Per tutto questo ci vuole tanto tempo!!!!
5
Tecnica / Re:Adattarsi a un pianoforte nuovo?
« Ultimo post da Fedor il Settembre 23, 2017, 01:12:00 pm »
Sono contento che tutto (o quasi) sia stato risolto. Ora non ti resta che goderti il tuo nuovo strumento, buona musica.  ;)
6
Tecnica / Re:Adattarsi a un pianoforte nuovo?
« Ultimo post da honey7226 il Settembre 23, 2017, 09:01:21 am »
Ciao,
hai colto nel segno: la settimana scorsa ho scritto al venditore che mi ha subito invitato a contattare l'assistenza Yamaha di Roma.
L'assistenza Yamaha (devo dire, gentilissimi e competenti), mi ha risposto di non aver ricevuto segnalazioni su problematiche per il CLP-625 e CLP-635 (i 2 modelli hanno la stessa tastiera), e di verificare il mobile, perché lo chassis di questo piano è molto pesante mentre lo stand è leggero. Mi hanno poi invitato a mettere dei tappetini antivibrazione sotto il piano e di andare a provare lo stesso modello in un negozio.
Tornato a casa, ho verificato il mobile, scoprendo che i piedi poggiavano su due piedini ognuno, e non su tre per un errore di assemblaggio dei pezzi, ma soprattutto che tutta la consolle non era stata avvitata a fondo: tutte le viti, sia quelle posteriori che quelle sotto la tastiera, erano come appena appena avvitate, e questo rendeva instabile il pannello posteriore e la meccanica (che infatti era pure rumorosa).
Dopo una bella stretta, la situazione è migliorata molto, ma non sono riuscito a stringere bene una vite e una serie di bulloni posti sotto la tastiera che richiedono una chiave particolare.
Infatti ieri sera ho suonato senza avvertire dolori e affaticamento, e ho potuto apprezzare la qualità della risposta della tastiera. Anche la copertura della tastiera (quella che scorre per chiudere e aprire il pianoforte) adesso si muove con maggiore fluidità e non fa più il rumore che faceva prima.
Oggi vado a provare in negozio lo stesso modello e lunedì parlo di nuovo con l'assistenza per capire se è il caso di portargliela comunque per far avvitare i bulloni che richiedono una chiave particolare.
Comunque ho intenzione di inviare una lettera di lamentela alla Yamaha, perché una cosa del genere denota una mancanza di controlli di qualità nel processo produttivo.
7
Quale pianoforte? / Re:consiglio
« Ultimo post da Paola il Settembre 22, 2017, 07:33:06 pm »
Comunque insonorizzazione a parte nei condomini è consentito suonare in orari prestabiliti, con limiti in orario notturno e all'alba naturalmente!  ;D
8
Tecnica / Re:Adattarsi a un pianoforte nuovo?
« Ultimo post da Fedor il Settembre 22, 2017, 04:48:42 pm »
Il mio consiglio è di far vedere il pianoforte a qualcuno che sappia suonare e chiedergli cosa ne pensa, se proprio non conosci nessuno rivolgiti direttamente a un tecnico della Yamaha.
La vibrazione che avverti mi sembra strana, anch'io ho un Clavinova e non ho mai avuto questo problema... Potrebbe essere un problema del mobile?
9
Di tutto e di più / Re:Suonare ad occhi chiusi
« Ultimo post da Fedor il Settembre 22, 2017, 04:41:41 pm »
Secondo me può essere molto utile per concentrarsi completamente sul suono.
Per quanto riguarda problemi tecnici credo che sia importante anche osservare il movimento della mano, quindi magari si può alternare studio normale e ad occhi chiusi.
Comunque mi sto incuriosendo anch'io, mi hai fatto venir voglia di provare. Dopo ti dirò le mie impressioni pratiche.  ;)
10
Di tutto e di più / Suonare ad occhi chiusi
« Ultimo post da guc il Settembre 22, 2017, 04:24:57 pm »
L'altro giorno stavo provando e riprovando un passaggio che non mi riusciva ed ad un certo punto ho chiuso gli occhi  8).
Lì per lì la cosa mi ha destabilizzato ma provando altre due/tre volte sono riuscito a concentrarmi meglio su ciò che stavo suonando.
Ho sentito una maggiore percezione delle dita che si muovevano e sono riuscito a "visualizzare" nella mia mente le note che stavo suonando.
Risultato: il passaggio mi è venuto!

Può essere un ottimo spunto su cui lavorare.
Non credo che suonare un intero pezzo ad occhi chiusi possa aiutare perchè anche avere dei punti di riferimento è utile, ma dove si può ciò può favorire la concentrazione.

Cosa ne pensate? Vi è mai capitato?
Pagine: [1] 2 3 ... 10