0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Marzianello

Tanta confusione per il primo acquisto
Gennaio 19, 2018, 08:32:10 pm
Come potrete notare dal titolo ho una grande confusione su cosa acquistare!!
Il mio obiettivo è di avere un pianoforte o una tastiera che mi permettano di imparare a suonare "seriamente", e che soprattutto non abbiano solo il suono del pianoforte classico.
Io una cosa che adoro della mia Yamaha PSR-F51 è la sua incredibile varietà di suoni, che va dal flauto al basso alla batteria ecc ecc.
Poi conviene MIDI per collegarla al pc?? Cosa cambia dall'usb??
Conviene acquistarne una con casse incorporate oppure sfruttando il mio impianto o le mi cuffie ( Beyerdynamic dt 990 pro) ?.
Cambia molto tra tastiera e pianoforte digitale??
Come potete vedere tutto ho tranne che le idee chiare, però detto in parole brevi voglio una buona tastiera che suoni come Dio comanda con ovviamente 88 tasti pesati e tanti suoni inclusi    :D.
Per quanto riguarda il budget potete stare tranquilli perchè intanto prenderò se possibile tutto a rate.
In contanti non ci arriverei MAI  :D :D !!

Attendo vostre

*

sergiomusicale

Re:Tanta confusione per il primo acquisto
Gennaio 20, 2018, 10:58:46 am
Posso contraddirti?, tanta confusione in testa non ce l'hai!, si... , può essere tanta l'indecisione, ma hai già idee chiare, forse da affinare, ma davvero non parti sprovveduto :). Ottima cosa!!! ;).
Cerchi una tastiera con 88 tasti: perfetto!, pesati: ancora perfetto, hai già esperienza di tastiere, ottimo, adesso qualche indicazione, ovviamewnte tutto molto personale, aspettando i consigli degli altri amici del forum!
1-prendi un piano digitale, la tastiera (tipo fisarmonica per intenderci) non potrebbe darti mai la sensazione del "tocco" e non ne sarebbe sensibile, questo è il punto fondamentale ed irrinunciabile!!!, con il tuo piano digitale puoi imitare un organo da chiesa in modo perfetto, ma non potrai mai ottenere la dinamica necessaria su una "tastiera" non pianistica per imitare un pianoforte .
2- i suoni diversi al momento li hanno quasi tutti i digitali, e se ne dovessi volere qualche altro puoi ottenerli attraverso vst e programmi vari.
3- quasi tutti i digitali hanno casse incorporate, pochi sono gli stage piano, che nascono per essere solo collegati ad impianti esterni, è comunque comodo avere un minimo di autonomia.
4- ottime le cuffie, forse le userai di più dell'amplificazione, specialmente per gli esercizi e per l'uso in ore "difficili".
5- MIDI ed USB sono due cose diverse, il midi è un protocollo fa uscire dal tuo digital piano dei segnali da elaborare, contengono delle informazioni sulla frequenza della nota etc..
https://it.wikipedia.org/wiki/Musical_Instrument_Digital_Interface
, la usb è un collegamento che può trasferire il suono già elaborato dal tuo strumento o mille altre cose, ad oggi sono solitamente presenti entrambe e quindi non dovresti avere alcuna difficoltà in merito.
6- per il budget organizzati tu, ad oggi si parte da circa 400 euro e si sale in qualità e risposta, come consiglio vai, prova e decidi (con calma) - trovati un negozio a km. zero, se puoi, vedi cosa ti consigliano, ma alla fine devi essere tu che ti "innamori" del "tuo" strumento.
al limite non disdegnare neppure un buon usato, che potrebbe essere un ottimo punto di ingresso. Buona caccia.. e Buona Musica  ;D

Riccardosto

Re:Tanta confusione per il primo acquisto
Gennaio 20, 2018, 04:35:44 pm
Io ho appena cominciato ad imparare. Ho acquistato un Roland FP30 che trovi in rete a 540 euro. Ti posso dire che come suono e meccanica dei tasti è eccellente (nella sua fascia di prezzo). Unico neo, fruscio di fondo dalle casse che scompare in cuffia. Non so se sia un problema comune ad altri piani digitali. Per il resto trovo sia un ottimo piano per cominciare a studiare. Il feeling è quello che si ha un piano vero. C'è anche la simulazione dello scappamento e l'avorio sintetico dei tasti. Comunque anche Yamaha e Kawai sono ottimi. Ripeto: ottimo Roland ma attenzione al difetto che ti ho segnalato. Non so sia comune a tutti gli FP30 e simili o se sono stato sfortunato io.

Marzianello

Re:Tanta confusione per il primo acquisto
Gennaio 21, 2018, 08:32:43 am
Allora innanzitutto scusate per il ritardo nella risposta, purtroppo il lavoro questi giorni mi lascia davvero poco tempo!!
Comunque grazie mille per i consigli e sopratutto per la mega risposta di Sergio  :D.
Comunque ci ho pensato un pò e si vado di pianoforte digitale, vuoi mettere poi l'mponenza di bel piano digitale quando rientro a casa  8) 8)!!
Ora non mi resta che provarne alcuni, io vivo a Tivoli che dista circa 30 km da Roma ed è proprio qui che dovrò andare per acquistarne uno.
Ho già avuto la fortuna di provare a casa di un amico uno YAMAHA Clavinova CLP645 e ne sono rimasto davvero entusiasta!!
Voi avete qualche consiglio generale per l'acquisto di un piano digitale?? Marca??

*

c64

  • Talentuoso
  • Mostra profilo
  • ****
  • 103
  • Mit der Dummheit kämpfen Götter selbst vergebens.
Re:Tanta confusione per il primo acquisto
Gennaio 21, 2018, 12:03:42 pm

Ora non mi resta che provarne alcuni, io vivo a Tivoli che dista circa 30 km da Roma ed è proprio qui che dovrò andare per acquistarne uno.
Ho già avuto la fortuna di provare a casa di un amico uno YAMAHA Clavinova CLP645 e ne sono rimasto davvero entusiasta!!I casio PX
Voi avete qualche consiglio generale per l'acquisto di un piano digitale?? Marca??
Bella domanda. Di marche ce ne sono molte: Kawai, Roland, Casio, Korg, GEM, Yamaha.
Ci sono anche molti modelli di diverse caratteristiche e prezzi.
Poi una cosa da vedere è se si vuole avere una cosa più portatile oppure con un mobile, che rende il tutto meno portatile.
Nrll'elenco manca una cosa, che io chiamerei sintetizzatore con tastiera pesata, come i Roland Juno-DS ed FA-08, o gli Yamaha MX88 o MOXF88,  i casio PX5s o PX560M che hanno una tastiera 88 tasti pesata dei buoni suoni di pianoforte, ma che hanno la possibilità di avere molti suoni e di poterne combinare e creare di nuovi. Il PX560 ha anche gli altoparlanti incorporati.
In ogni caso se ti piacciono i suoni extra, controlla che il piano abbia ingessi ed uscite MIDI. In questo modo un domani ti compri un expander, che senza avere un computer di mezzo ti permette di aggiungere dei suoni completamente diversi.
Una cosa importante sono i pedali, che non sempre vengono forniti e quindi si devono prendere a parte.

Marzianello

Re:Tanta confusione per il primo acquisto
Gennaio 21, 2018, 01:39:22 pm
Allora della portabilità non mi interessa in quanto lo suonerei solo ed esclusivamente in casa, quindi vado di pianoforte digitale.
Quella dell'expander è un'ottima idea. grazie  :).
Cavolo sono carico a mille, domani vado in un negozietto consigliato da un amico, mi ha detto che è fornitissimo.
Domani in serata vi aggiorno  ;)

Gianca

Re:Tanta confusione per il primo acquisto
Gennaio 21, 2018, 08:06:44 pm
Buonasera a tutti,
anch'io come il Sig. Marzianello vorrei acquistare un pianoforte digitale o una tastiera. Considerando il budget sono orientato verso Yamaha P45 B come pianoforte digitale oppure un Yamaha PSR-EW400. (Tetti massimi di spesa)
Vorrei imparare a suonare per mio diletto canzoni tipo Pink Floyd o Dire Straits e possibilmente non musica classica.
Non ho intenzione di esibirmi in pubblico.
Leggo nei post che la "manualità" la si impara sui pianoforti digitali che hanno i tasti pesati ma mi sembra siano limitati a riprodurre solo il suono di un piano, di un organo o di un cembalo. La mia domanda: è possibile collegare il pianoforte digitale al Pc e con software, e quali software, "imitare" suoni differenti da quelli del pianoforte? Per esempio quello di un organo Hammond di "Whiter shade of pale" o di una pianola?
Ringrazio anticipatamente per lo spazio concessomi e coloro che avranno la pazienza di illuminarmi.  :)

*

sergiomusicale

Re:Tanta confusione per il primo acquisto
Gennaio 22, 2018, 08:09:58 am
Non sono "limitati", pensa al solo fatto che puoi fare tutti i suoni possibili con la tastiera del computer!!!! basta solo software ed un pò di esperienza. La tastiera del pianoforte digitale, una volta collegata ad un computer (o meglio ancora ad apparati digitali specializzati) ti mette a disposizione, avendo solo una uscita digitale, tutti i suoni del mondo.  Quindi unica avvertenza il controllare le uscite digitali dello strumento, anche se oggi , ormai , è cosa comune averle. ;)

*

c64

  • Talentuoso
  • Mostra profilo
  • ****
  • 103
  • Mit der Dummheit kämpfen Götter selbst vergebens.
Re:Tanta confusione per il primo acquisto
Gennaio 22, 2018, 10:18:21 am
La mia domanda: è possibile collegare il pianoforte digitale al Pc e con software, e quali software, "imitare" suoni differenti da quelli del pianoforte? Per esempio quello di un organo Hammond di "Whiter shade of pale" o di una pianola?
Ringrazio anticipatamente per lo spazio concessomi e coloro che avranno la pazienza di illuminarmi.  :)
Per suonare i Pink Floyd è noto che l'ideale sia un Farfisa Compact Duo https://www.youtube.com/watch?v=OHK0alb3SAQ
Se non lo trovi puoi tenetare un expander Farfisa http://www.ebay.it/itm/FARFISA-FX1000-EXPANDER-GENERAL-MIDI-USB-VINTAGE-SOUNDS-MODULO-SONORO-MIDI-/221243883665 collegato via MIDI ad una tastiera.
Anche questo, dato che Farfisa è fallita lo trovo solo usato o su Ebay.
L'importante è che ci sia una connessione MIDI e non solamente USB-MIDI

Oppure esiste anche l'emulatore di organo combo che gira su PC:
https://www.arturia.com/farfisa-v/overview

Questa è solo una panoramica per dire che volendo non sei limitato ai soli suoni di pianoforte.
Potrebbe essere necessario verificare se in usita MIDI la tastiera riesce a mandare i Bank/Program Change e di come si mappa l'Expression (ovvero il pedale "una corda")

Comunque se ti capitasse sottomano un Farfisa Compact Duo e relativo amplificatore non farteli scappare. O dillo a me :-)

Gianca

Re:Tanta confusione per il primo acquisto
Gennaio 22, 2018, 08:23:02 pm
Ringrazio infinitamente per le delucidazioni i Sigg. Sergio Musicale e C64 per le risposte e la comprensione verso un super principiante. Mi avete convinto nella scelta del pianoforte digitale. Ora guardo un po' meglio alle proposte del mercato e mi prenoto per il futuro, quando ancora vi chiederò aiuto o consiglio.
Per Sergio Musicale, grazie mille per l'esauriente risposta.
Per C64, ho notizia che il Farfisa dei Pink Floyd è a Roma. Se mi fai da palo te lo procuro  : ;D
Grazie. 1000.

Re:Tanta confusione per il primo acquisto
Gennaio 23, 2018, 11:47:42 am
Posso integrare il punto 5?

5- MIDI ed USB sono due cose diverse, il midi è un protocollo fa uscire dal tuo digital piano dei segnali da elaborare, contengono delle informazioni sulla frequenza della nota etc..
https://it.wikipedia.org/wiki/Musical_Instrument_Digital_Interface
, la usb è un collegamento che può trasferire il suono già elaborato dal tuo strumento o mille altre cose, ad oggi sono solitamente presenti entrambe e quindi non dovresti avere alcuna difficoltà in merito.

La porta USB tipo B su alcuni modelli può fungere anche da interfaccia MIDI, e in alcuni casi sui modelli più economici è l'unica connessione disponibile (si taglia ovunque purtroppo); tramite  funzione dedicata disponibile nello strumento si può scegliere se impostarla in modalità "Host" (MIDI) o per trasferire dal personal computer in una porzione della memoria interna dello strumento una serie di brani musicali (I Casio Privia PX sono solo un esempio a riguardo).

Siccome altri amici hanno parlato in questo thread di porte MIDI per collegare eventuali moduli sonori esterni (o Expander...), in fase di scelta è importante valutare il parco connessioni degli strumenti selezionati: se il pianoforte digitale lo usi in casa, magari collegato al personal computer, uno strumento economico dotato di sola interfaccia MIDI su porta USB tipo B come descritta in precedenza va benissimo, viceversa, se ci sono altre esigenze è meglio puntare su strumenti che offrono - oltre all'interfaccia USB - anche la classica coppia (o tripletta) di porte MIDI su prese DIN pentapolari.

Su strumenti di pregio (gli Stage Roland serie RD per esempio), l'interfaccia USB e le porte MIDI possono veicolare parallelamente segnali MIDI diversi, quindi se ogni porta può trasmettere/ricevere fino a 16 canali MIDI, con certi strumenti si può raddoppiare fino a 32 canali MIDI contemporaneamente.

In fascia economica, oltre alle funzioni descritte la porta USB tipo B oggi può fungere anche da interfaccia MIDI per collegare device iOS, per esempio, ma a prezzi intorno ai 500/700 euro difficilmente i produttori integrano altri supporti tramite USB (come - per esempio - la possibilità di veicolare flussi audio a un personal computer).
Su alcuni modelli all'interfaccia USB è affiancata una seconda porta USB di tipo A definita "Device", inserita per consentire di immagazzinare dati dello strumento tramite una pratica pen drive (timbriche, brani musicali, supporto per un eventuale recorder audio interno).

My2cents....

Un saluto a tutti
R.Gerbi