0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Stefania PELLICONI

  • Principiante
  • Mostra profilo
  • *
  • 3
  • Diplomata nell' 83 al Conservatorio di Bologna
facilitazione spartiti
Gennaio 21, 2018, 04:06:51 pm
Buongiorno, ho necessità di facilitare degli spartiti di canzoni col pianoforte e vorrei chiedere un contributo, cosa sarebbe più appropriato, fissare un prezzo fisso o a ore e quanto in media?
Grazie

*

Pianoth

Re:facilitazione spartiti
Gennaio 21, 2018, 05:01:35 pm
Non è facile fissare un prezzo di una trascrizione. Il prezzo non può essere fisso, perché altrimenti il prezzo di un brano molto breve sarebbe lo stesso di quello di un brano molto lungo... Idealmente, il prezzo dovrebbe essere proporzionale al numero di ore impiegate a realizzarla, ma non è facile, perché come fai a dimostrare che hai effettivamente impiegato tutto il tempo a disposizione e non hai perso molto tempo facendo altro, realizzando invece le trascrizioni molto più rapidamente?

Non è un buon parametro di variazione il numero di pagine, dato che potresti scrivere molto largo, invece che molto stretto, e quindi ottenere un pagamento più alto...

Un'altra idea potrebbe essere in base alla durata, ma due brani che durano lo stesso tempo non impiegano necessariamente lo stesso tempo a essere realizzati...

Fatte tutte queste considerazioni, un primo "buon" parametro per fissare il prezzo di una trascrizione a priori è per fasce di battute. Ad esempio un certo prezzo per brani di meno di 50 battute, un altro per brani fino a 100, un altro per brani fino a 150, e così via. Ma anche con un parametro simile si potrebbe avere qualche contestazione però, perché per esempio 50 battute in 4/4 sono molto più materiale da trascrivere rispetto a 50 battute in 3/8...

Riflettendoci ancora un po' su, troviamo un altro parametro decisamente migliore, volendo ottenere una maggiore onestà e oggettività sul prezzo: il prezzo dovrà dipendere dal numero totale di unità di tempo presenti nel brano. Potrebbe suonare complicato, ma non è difficile da calcolare: se ipotizziamo che nel brano non ci sono cambi di tempo, basterà semplicemente moltiplicare il numero di battute del brano per il numeratore della frazione di tempo. Così, 50 battute in 4/4 mi danno un totale di 200 unità di tempo, mentre 50 battute in 3/8 mi danno un totale di 150 unità di tempo, quindi la prima trascrizione verrà retribuita giustamente più della seconda. L'unico problema che purtroppo rimane anche con questo parametro, è che chiaramente, non c'è un tempo fisso per l'unità di tempo. Ad esempio, due brani di 50 battute in 4/4 potrebbero impiegare un tempo di trascrizione infinitamente diverso l'uno dall'altro, basta che uno dei due abbia molte note, molte articolazioni, legature, dinamiche e così via, e l'altro sia un brano pieno di semibrevi, senza legature, con pochissime dinamiche, e con decisamente poco da scrivere, insomma. Non sarebbe molto corretto attribuire lo stesso prezzo ai due brani, perché il secondo richiederebbe molto meno tempo ad essere scritto.

A fronte di tutto questo ragionamento, credo che il modo migliore per valutare il prezzo di una trascrizione resti, purtroppo, quello di calcolarlo in base al tempo impiegato, cercando di essere onesti e sperando nella fiducia di chi poi dovrà acquistare la trascrizione. Qualora fosse necessario dire un prezzo PRIMA della trascrizione, e prima di vedere lo spartito che si dovrà trascrivere, purtroppo temo che non ci sia un metodo migliore dell'andare per fasce di battute, ma specificando che dipende anche dalla frazione di tempo, in modo da essere almeno un po' più precisi. Quindi 50 battute in 4/4 hanno lo stesso prezzo di 100 battute in 2/4, 66 battute in 3/4 o 3/8, e lo stesso prezzo di 33 battute in 6/8 (e se capita un caso diverso magari si calcola una stima al volo).
Aldo Roberto Pessolano (aka Pianoth Eakòs Shaveck)
Canale youtube | Ascoltarmi suonare dal vivo su twitch!
Supporta il mio contributo