0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Bach33

"crisi di scelte" aiuto
Luglio 11, 2017, 09:04:19 pm
Ciao a tutti,
vorrei condividere con voi questo particolare momento della mia vita...
Premetto che ho appena finito il secondo anno di liceo classico (per intenderci la 5a ginnasio) e mi trovo davanti ad un grande bivio. Studio pianoforte da quando avevo 11 anni e adesso ne ho 15 e sto preparando l'esame preaccademico i livello b2. Mi è stato chiesto dai miei genitori di sfruttare al massimo questi due mesi di estate per prendere una decisione sul mio futuro. Il mio più grande sogno sarebbe diventare un grande pianista e , se dio vuole, un direttore d'orchestra , mentre l'altra opzione sarebbe medicina....e per questo mia mamma mi ha detto che dall'anno prossimo dovrò iniziare a prendere ripetizioni per affrontare poi (tra tre anni ovviamente) il test d'ingresso. Mentre se decidessi di intrapendere la strada dela musica che, come ho già detto, è il mio più grande sogno allora inizierò uno studio più serio e i miei genitori investiranno in un pianoforte(attualmento suono su un pianoforte digitale della casio con il tasto pesato, si chiama celviano).Il problema è che ho paura perchè non conosco per niente il modno della musica o meglio come funziona



QUINDI avrei alcune domande da fare a chi lavora con la musica tutti i giorni a livelli professionali e a chi la conosce bene

Diciamo che prima di tutto il pensiero che più mi trmenta è il timore che l'aver iniziato a studiare a 11 anni possa in qualche modo limitare le mie possibilità e su questo siamo tutti d'accordo, ma fino a che putno?! Se si  pensa che la Argerich fece il suo primo concerto ad otto anni mentre io ad otto anni a stento sapevo cosa fosse il pianoforte! Ora non che io prentenda di poter mai raggiungere i livelli di Martha Argeirch, ma vorrei comunque raggiungere livelli alti , e non ridurmi dopo il conservatorio a fare l'organista nella parrocchia o cose simili...


Che vuol dire veramente essere un musicista classico? Penso che sia una strada meravigliosa ma altrettanto spietata ed io non so se sono in grado di affrontarla e di distinguermi

Vi chiedo di raccontarmi la vostra esperienza, la vostra opinione , l'idea che vi siete fatti su come funziona il mondo della musica classica (ed in particolare quello del pianoforte classico che credo sia un mondo altrettanto spietato) e soprattuto dei Consigli!
Ultima modifica: Luglio 11, 2017, 09:06:49 pm da Bach33
Come il fisico è scopritore delle leggi della natura, il compositore è scopritore delle leggi dell'animo umano :la musica è dentro di noi, un bravo musicista è colui che la sa trovare. (G.S.)🎵🎹

oscar

Re:"crisi di scelte" aiuto
Luglio 11, 2017, 09:52:25 pm
Ho bisogno di aieri sulla variazione di Goffredo Walther mi aiutate

*

Pianoth

Re:"crisi di scelte" aiuto
Luglio 11, 2017, 10:39:28 pm
Direi che se si inizia a studiare entro i 16 anni si può teoricamente raggiungere anche risultati da grandissimi pianisti, se si ha talento e forse un po' di fortuna. La strada del direttore d'orchestra però è davvero molto lunga e difficile, e non so fino a che punto ne vale la pena al giorno d'oggi, con i corsi del nuovo ordinamento... Comunque, allora. Sarò brusco, ti avviso. Ma purtroppo questa è la verità.

Ti dico che diventare un musicista classico al giorno d'oggi è davvero molto difficile, perché la tecnica pianistica (ma anche di altri strumenti) si sta evolvendo sempre di più verso il massimo che scientificamente può fare, e la concorrenza è spietata. Innanzitutto, puoi scordarti i tuoi sogni, a meno che non trovi un insegnante veramente bravo, oppure ritieni di avere veramente grande talento, oppure sei pronto a spendere ore ed ore ed ore solo ed esclusivamente alla musica (il che implica, già da ora, che dovrai rinunciare anche a ottimi voti a scuola, perché non avrai tempo). La strada del musicista classico non è come la strada di musicisti non classici: è dura, difficile e senza pietà. Potrai avere tutta la passione e la volontà che vuoi, ma se non doni tutta la tua vita alla musica ora, potresti avere davvero seri problemi. E questo è un grande problema, perché vuol dire che il tuo sogno è realizzabile, ma è rischiosissimo, perché ti ritroverai alla fine del liceo senza un piano B (e se provi a preparartelo è molto più probabile che non riuscirai a combinare molto). E se non funziona? Sarai forzato a sfruttare le tue capacità musicali in altro modo (ad esempio per musica non classica), o sarai forzato a ricominciare lo studio da capo, perdendo tanto altro tempo importante nella tua vita. D'altra parte, se scegli di studiare medicina ora, potrai comunque probabilmente trovare un po' di tempo per studiare musica, senza grandi ambizioni.

Per quanto riguarda la direzione... Al giorno d'oggi materie importanti, come composizione e direzione, ma anche pianoforte in realtà, sono davvero molto difficili da studiare. Non per colpa degli insegnanti, o del materiale, no: per colpa del sistema scolastico. Se hai intenzione di entrare al conservatorio, sappi che il nuovo ordinamento al conservatorio ha ridotto notevolmente la durata dei corsi, ma questa non è affatto una cosa positiva per materie così importanti. La cosa terribile è che non solo la durata dei corsi è ridotta, ma anche la durata delle lezioni delle materie principali, in quanto si viene riempiti di corsi supplementari che spesso non sono neanche necessari (ammesso che, almeno, si ha un insegnante decente nella materia principale). Per cui, per materie come composizione, e forse quindi direi anche direzione, l'ideale al giorno d'oggi probabilmente è studiare privatamente, che tu ci creda o no. Da autodidatta naturalmente non esiste, te lo puoi scordare, a meno che hai grandissimo talento. Naturalmente neanche studiare privatamente però non è abbastanza, perché ti serve comunque qualche titolo, altrimenti non vai da nessuna parte: in altre parole, dovresti recuperare privatamente tutti gli anni che le riforme scolastiche hanno eliminato, per successivamente entrare al conservatorio per avere un titolo (e quindi ti ritroverai inevitabilmente a ripetere cose che hai già fatto), o in alternativa, fare talmente tanti concorsi (supponendo che tu ne vinca il più possibile) da iniziare a diventare conosciuto.

Dico queste cose te le dico da diplomato in pianoforte al vecchio ordinamento, e studente di composizione al nuovo ordinamento. Il livello generale del nuovo ordinamento è semplicemente pietoso rispetto al vecchio, te l'assicuro.
Ultima modifica: Luglio 11, 2017, 10:43:14 pm da Pianoth
Aldo Roberto Pessolano (aka Pianoth Eakòs Shaveck)
Canale youtube | Ascoltarmi suonare dal vivo su twitch!
Supporta il mio contributo

*

Pianoth

Re:"crisi di scelte" aiuto
Luglio 12, 2017, 12:52:22 am
Voglio essere un attimo chiaro, comunque: non ti sto dicendo di lasciar perdere e fare medicina. Anzi conosco più di un pianista che ha iniziato tardi e sta per fare l'ammissione al conservatorio in pianoforte (dopo un bel po' di studio privatamente però). Se hai proprio grandi ambizioni e ti ritrovi a un buon livello dopo la laurea triennale, magari potresti anche decidere di fare il biennio di pianoforte all'estero, il che ti apre qualche porta con un po' più facilità. Però sono decisioni importantissime che implicano importantissimi rischi di cui devi essere a conoscenza. ;)
Aldo Roberto Pessolano (aka Pianoth Eakòs Shaveck)
Canale youtube | Ascoltarmi suonare dal vivo su twitch!
Supporta il mio contributo

Bach33

Re:"crisi di scelte" aiuto
Luglio 13, 2017, 01:44:34 pm
pianoth grazie di cuore di aver risposto.Ho riletto e riletto quello che hai scritto,e se da un lato ho un po' più paura di prima, dall'altro mi sento più determinato avincerla questa paura, facendo tutti i sacrifici del mondo
Come il fisico è scopritore delle leggi della natura, il compositore è scopritore delle leggi dell'animo umano :la musica è dentro di noi, un bravo musicista è colui che la sa trovare. (G.S.)🎵🎹

Bach33

Re:"crisi di scelte" aiuto
Luglio 13, 2017, 01:48:50 pm
quanto a te c64 ci terrei a rispondere che sei del tutto fuori luogo. Non vorrei essere offensivo ma la tua risposta è la solita rispiosta del belloccio che arriva e sa sempre tutto. Non ho chiesto cosa mi consigli di fare nella vita ne tanto meno quanto sia dura o conveniente la scelta di fare medicina...ho chiesto solo di raccontare la propria esperienza a chi di musica ne sa un po' di piu'.... e se lo vuoi proprio sapere nessuno dei miei vuole che io faccia medicina, tutti cercano di farmi cambiare idea, sia riguardo a medicina che alla musica...Un po' di buonsenso in più non guasterebbe!
Come il fisico è scopritore delle leggi della natura, il compositore è scopritore delle leggi dell'animo umano :la musica è dentro di noi, un bravo musicista è colui che la sa trovare. (G.S.)🎵🎹

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3095
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:"crisi di scelte" aiuto
Luglio 13, 2017, 03:28:05 pm
Ti dirò anche concisamente la mia opinione, pensa bene parecchie volte a cosa fare perché gli abbandoni in conservatorio erano, e suppongo lo siano tuttora cosa relativamente frequentemente !parlo per esperienza personale) quello dipende in gran parte dell'insegnante che troverai, ma non solo, nel mio caso molto probabilmente il pianoforte non era completamente il mio strumento, e il mio cambio credo mi abbia giovato.
Questo per dirti, che già anche arrivare alla laurea triennale musicale è una mezza impresa e da sola serve a poco, in realtà a oggi sospetto che a parte per insegnare serva a ben poco anche il biennio successivo...a questo aggiungi che per fare un buon musicista (diciamo uno mediamente buono) la laurea in strumento non basta, considerala un inizio se poi ci metti anche direzione d'orchestra e quindi orchestrazione (e in parte anche composizione di conseguenza) moltiplichi i rischi, se scegliessi il percorso a questo punto sarebbe meglio avessi le idee ben chiare anche sull'insegnante.

In ogni caso la mia storia è abbastanza semplice, entrai a 14 anni in conservatorio, cambiato in 6 anni 3 insegnanti di strumento, fra cui uno di organo...e probabilmente era uno dei migliori... Licenza di solfeggio e compimento inferiore di piano, poi ho lasciato, ma dall'anno scorso ho cambiato strumento, clavicembalo e fortepiano è da qualche anno studio composizione anche (3-4 anno).
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3095
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:"crisi di scelte" aiuto
Luglio 13, 2017, 03:28:34 pm
Ok non sono stato molto conciso ahahah
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

*

sergiomusicale

Re:"crisi di scelte" aiuto
Luglio 13, 2017, 03:35:36 pm
Sogna, vola alto...sei giovanissimo e tutto ti è ancora concesso!!!  ::) non farti troppo influenzare dal contesto e da altre voci... è ovvio che fai bene a sentire tutte le campane, ma in definitiva (almeno a mio avviso) quel che conta è la tua "vera" passione!!! ovvio che hanno ragione anche i due amici che ti hanno risposto... c64 non credo sia "belloccio"  ;D, ma credo che ti abbia dato comunque un impulso a seguire la tua passione primaria... la voce di Pianoth è poi un riferimento serio e competente al massimo livello, analoga cosa per antares..., ma io devo (da uno tra i decani del forum) fare anche un discorso indipendente da quel che è poi la situazione reale del Paese e della possibile realizzazione pratica della vita...perché credo che arrivare ad un'età in cui i giochi sono fatti ed avere una tremenda recriminazione sulla propria esistenza, magari dettata dal seguire le volontà di altri, sia veramente brutto, quindi occorre dare in qualche modo sfogo alle proprie passioni, essere ottimisti, credere in se stessi e...lasciare in un angolino della propria coscienza l'idea che se poi non va come si vorrebbe...niente di tragico, almeno ci abbiamo provato... continuando ad essere felici ed ottimisti anche nella nuova situazione che si verrà a determinare. Quindi...qualunque cosa arriverai a decidere che sia completamente tua, che tenga di conto anche di tutti i consigli e le elucubrazioni che vuoi, ma che sia voluta veramente senza concessione alcuna. Comincia a considerare il tuo bicchiere sempre mezzo pieno (se proprio non trabocca  ;D ;D) sorriditi dinanzi allo specchio e tanti auguri per la tua scelta  ;)

*

c64

  • Piccolo Bach senza una mano
  • Mostra profilo
  • *
  • 46
  • Mit der Dummheit kämpfen Götter selbst vergebens.
Re:"crisi di scelte" aiuto
Luglio 13, 2017, 03:41:46 pm
quanto a te c64 ci terrei a rispondere che sei del tutto fuori luogo. Non vorrei essere offensivo ma la tua risposta è la solita rispiosta del belloccio che arriva e sa sempre tutto. Non ho chiesto cosa mi consigli di fare nella vita ne tanto meno quanto sia dura o conveniente la scelta di fare medicina...ho chiesto solo di raccontare la propria esperienza a chi di musica ne sa un po' di piu'.... e se lo vuoi proprio sapere nessuno dei miei vuole che io faccia medicina, tutti cercano di farmi cambiare idea, sia riguardo a medicina che alla musica...Un po' di buonsenso in più non guasterebbe!
Hai ragione, un po' di buonsenso in più non basterebbe.
Sayonara.

Bach33

Re:"crisi di scelte" aiuto
Luglio 13, 2017, 06:39:10 pm
Grazie ragazzi ,davvero, per me è importante già solo che abbiate risposto. Diciamo che io penso che questo paese non abbia molto da offrire e che la musica e in particolare la musica classica non benificino del rispetto e della serietà che meriterebbero, ed è davvero un peccato perchè il grandissimo patrimonio culturale che abbiamo a disposizione è totalmente sprecato. Quindi diciamo che il mio proposito sarrebbe stato quello di lasciare l'italia finito il conservatorio, su questo non si discute. Il problema che più mi preme è qunto io possa arrivare lontano con il mio impegno, al di là di tutte le altre componenti quali gli insegnanti etc..

Inoltre non ho la più pallida idea di come funzioni il mondo della musica, non soquale sia il percorso per diventare direttore d'orchestra ma io sono pronto e disposto a fare tutti i sacrifici....la mia paura  è: tutti i sacrifici del mondo sarebbero sufficienti o sono arrivato ad un età in cui per me non è più possibile raggiungere alti livelli e quindi i sacrifici sarebbero vani?
Ultima modifica: Luglio 13, 2017, 06:42:18 pm da Bach33
Come il fisico è scopritore delle leggi della natura, il compositore è scopritore delle leggi dell'animo umano :la musica è dentro di noi, un bravo musicista è colui che la sa trovare. (G.S.)🎵🎹

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3095
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:"crisi di scelte" aiuto
Luglio 13, 2017, 10:04:43 pm
Il percorso da direttore tecnicamente era: studi (parecchio molto più che pianoforte) è una volta laureato tecnicamente dovresti fare gavetta come assistente di qualche direttore o di un qualche teatro, tipo un maestro accompagnatore per i cantanti quando fanno le prime prove... Per iniziare e poi seguire il direttore stabile in quello che fa..il più è trovarlo, e non so neanche se siano pagati e quanto...ma a quel punto devi conoscere le orchestre, i cantanti, e avere per lo meno buone basi di composizione, spesso capita che bisogna adattare le partiture orchestrali...senza contare che il fiorire delle enable barocche limita un po' il lavoro del direttore, perché lì "dirige" il primo violino o il cembalista..dirige per modo di dire poi in quelle ensemble (quelle valide) tutti i membri sono in grado di fare i solisti o quasi.
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

*

Pianoth

Re:"crisi di scelte" aiuto
Luglio 13, 2017, 10:19:34 pm
...Sì, il problema del diventare direttori d'orchestra è che un percorso dannatamente lungo. Dopotutto, sono rarissimi i direttori d'orchestra giovani, e generalmente non sono neanche il top, anche se magari hanno vastissime conoscenze. Se proprio punti a diventare direttore d'orchestra, arrivaci più gradualmente, non si può proprio porre come primo obiettivo, diciamo.
Aldo Roberto Pessolano (aka Pianoth Eakòs Shaveck)
Canale youtube | Ascoltarmi suonare dal vivo su twitch!
Supporta il mio contributo

*

Paola

Re:"crisi di scelte" aiuto
Luglio 14, 2017, 10:25:08 pm
Bach33 in realtà il percorso per diventare medico non è meno complesso e meno lungo:
6 anni corso di laurea + almeno 4 di specializzazione e l'incognita del futuro che comincia subito in ingresso: il famigerato test con 60 quesiti a risposta multipla dove per 200 posti si presentano in 2000.

Direi quindi che non esiste un percorso facile e uno difficile, esiste solo la propria volontà e determinazione.
Quando affrontiamo passaggi così impegnativi l'unica cosa che ci può sostenere è volerlo fare e riusciamo a farlo se ci piace, perché se ci piace fatichiamo meno.
Quindi data la tua giovane età, rincorri il tuo sogno e se andrà bene sarai felice, se durante il viaggio capirai di aver sbagliato sei sempre in tempo a cambiare direzione. Non esiste il tempo perso, esiste il tempo in cui lavoriamo per raggiungere quello che desideriamo!
Se hai perplessità per l'età, mettila da parte. La cosa più sbagliata che puoi fare è prendere a modello i grandi pianisti. Martha Argerich e simili... sono un caso su un milione, sono mostri sacri che se è bene ascoltare per imparare a qualcosa non possono essere un ideale assoluto.

Sfatiamo anche il mito del povero musicista disoccupato, costretto a fare lavori svariati per campare. Questo problema oggi appartiene a tutti, a chi studia lettere, giurisprudenza, scienze politiche, ecc, e persino medicina. Il momento storico non è favorevole, ma devi avere fiducia nel cambiamento e soprattutto nelle tue capacità. Coltivale e vedrai i risultati.

Coraggio!  ;)