vorrei iniziare ad ascoltare jazz...
« il: Luglio 14, 2017, 03:49:36 am »
Salve a tutti...
Premetto che il mio genere preferito è la musica classica ed è diciamo quello che ascolto principalmente, ma sonoo molto affascinato dal mondo del jazz, un mondo che non conosco per niente ma che vorrei imoarare a conoscere... Vorrei cominciare ad ascoltare jazz, sapreste consigliarmi da dove partire? Vorrei poter non solo ascoltare le piere miliari ma anche comprendere il jazz e quindi un ascolto attivo e costruttivo...

*

Offline Roberto S. Persi

  • *
  • 198
  • principiante volonteroso
    • Mostra profilo
Re:vorrei iniziare ad ascoltare jazz...
« Risposta #1 il: Luglio 14, 2017, 06:44:42 pm »
Domandona!!! Ti posso dare solo la mia piccola esperienza di ascoltatore e amante del Jazz.
Innanzitutto devi pensare che il Jazz come la musica classica non è un genere ma un universo di modi, stili, sfumature, contaminazioni, evoluzioni ecc. ecc., il tutto concentrato in poco più di un secolo di storia.C'è il Jazz "nero" che vede le sue origini dall'arrivo degli schiavi nelle Americhe (soprattutto il nord),e la contaminazione delle loro musiche e ritmi con la cultura bianca, e non cosa da poco con gli strumenti dei bianchi. Da quì arrivano i canti religiosi (gospels), i canti di lavoro (blues), le musiche da ballo, funerali e cerimonie per piccoli gruppi o per banda. Col tempo si sdogana e contamina ulteriormente diventando anche musica per "bianchi" non solo nell'ascolto ma anche come strumentisti che a loro volta portano ulteriori contaminazioni, penso innanzitutto alle musiche popolari o alla musica della tradizione ebraica. E via passo passo fino ad oggi.
Molti pensano che il Jazz sia solo rumore o improvvisazione, ma in realtà non è vero e un buon strumentista Jazz non ha nulla da invidiare a un buon strumentista classico (la creatività è altra cosa).
Quello che ti posso consigliare è di leggere un po di storia del Jazz accompagnata da ascolti mirati per genere e epoca. In internet ora si trova praticamente tutto. Per te che ovviamente ami come strumento il piano ti consiglierei magari di partire da un lavoro del 1973 di Keith Jarret, "Koln concert",  un concerto live per solo piano, decisamente accattivante (forse un po troppo) e di impatto soft.
Ci sono pianisti molto bravi, mi vengono in mente Teolonius Monk o Don Pullen ad esempio, o andando su cose più "orecchiabili" la grande Nina Simone. Vedi un po, è un mondo da esplorare e, come dice un famoso detto: "quando senti musica che non capisci allora è Jazz!"

Scusa ora se divago un pochetto, ma ho seguito con interesse la tua famosa domanda "se e come affrontare con profitto lo studio del piano e/o composizione e/o direzione d'orchestra.
Io non posso darti risposte professionali, a quelle hanno pensato con competenza Pianoth e Antares.
Volevo solo dirti che l'asticella che hai posto è molto alta e che magari non superarla come vorresti non vuol dire aver fallito. Tanto per capirsi fra il suonare l'organo nella chiesa del quartiere e il Maestro Muti c'è di mezzo un oceano di ottimi musicisti e talenti. Il mondo ne ha estremo bisogno:
L'importante è partecipare

*

Offline Paola

  • *****
  • 1610
    • Mostra profilo
    • www.pianosolo.it
    • E-mail
Re:vorrei iniziare ad ascoltare jazz...
« Risposta #2 il: Luglio 14, 2017, 10:12:06 pm »
Domandona Bach33!
Da dove cominciare?
Non dal contemporaneo, che rappresenta un'evoluzione linguistica molto complessa e non necessariamente dal pianoforte.
La cosa migliore che tu possa fare è procurarti un volume dedicato e affiancare alla lettura l'ascolto.
Il jazz come linguaggio ha subito profondi cambiamenti nella storia, spesso dettati da vicende storico-politiche e grandi mutamenti sociali che ne hanno influenzato il lessico, quindi per un ascolto consapevole ci vuole un po' di base.

Posso consigliarti degli ottimi libri se vuoi:
- Stefano Zenni, STORIA DEL JAZZ.Una prospettiva globale, Stampa Alternativa
- Ted Gioia, STORIA DEL JAZZ, EDT/Siena Jazz

Ti consiglio inoltre il volume "Gli standard del jazz. Una guida al repertorio", di Ted Gioia tradotto da Francesco Martinelli, per conoscere la storia dei principali brani di cui il jazz si è appropriato, quelli famosi insomma, di cui l'autore racconta la nascita e dà ottimi suggerimenti sulle versioni da ascoltare.
Ne ho parlato tempo fa in questo articolo, dove in una lunga intervista Francesco Martinelli ci spiega parecchie cose sull'argomento: https://www.pianosolo.it/ted-gioia-gli-standard-del-jazz-una-guida-al-repertorio-2015-edtsiena-jazz/




Re:vorrei iniziare ad ascoltare jazz...
« Risposta #3 il: Luglio 20, 2017, 09:51:49 pm »
complimenti per il tema che hai lanciato!
jazz e classica sono incomprensibilmente meno distanti di quanto sembrano (intendiamoci: totalmente diversi, ma non distanti), non ti annoierò con aneddoti risaputi tipo che bill evans, john coltrane, piuttosto che gil evans  ascoltavano claude debussy, erik satie, stravinsky...
vuoi un consiglio?
parti dall’adagietto di gustav mahler reinterpretato da uti caine (segue il link) 

e poi ti invito ad ascoltare il grande danilo rea di “notturno” dove potrai ascoltare grieg, chopin, liszt, mozart e brahms come mai li hai ascoltati (gioia pura!)
e poi, non posso invitardi ad ascoltare un lucevan le stelle di puccini reinterpretato da stefano bollani da pelle d’oca, buon ascolto https://www.youtube.com/watch?v=SzDReyacH2I


Re:vorrei iniziare ad ascoltare jazz...
« Risposta #4 il: Luglio 20, 2017, 09:56:10 pm »
un'altra esperienza che ti consiglio è la classica interpretata (fedelmente) dai pianisti jazz, ascolta il bach di keith jarrett https://www.youtube.com/watch?v=xuIbBUihj3c ed il ravel di peter waters https://www.youtube.com/watch?v=VzSx7qYYaRA

Re:vorrei iniziare ad ascoltare jazz...
« Risposta #5 il: Luglio 20, 2017, 10:55:11 pm »
Okay, lasciamo stare astor piazzolla perché non è classica e non è nemmeno jazz, è tango, e lasciamo stare anche joao gilberto e antonio carlos jobin che hanno immaginato la bossanova,
ti propongo, invece, due brani magnificamente eseguiti con relative partiture (fedeli, anche solo da leggere mentre si ascolta e comunque, con un poco di studio, alla portata di tutti noi)
Non è jazz, non è classica, è solo buona musica
(buon ascolto e buona lettura)
https://www.youtube.com/watch?v=X3npLgoa03Q
https://www.youtube.com/watch?v=Jp5LtxacrJ0
http://www.ryuichisakamoto.info/wp-content/uploads/2014/12/Bring-Them-Home.pdf
https://files.mcclimon.org/transcriptions/goodbyeStoryteller.pdf

Re:vorrei iniziare ad ascoltare jazz...
« Risposta #6 il: Luglio 22, 2017, 09:46:03 pm »
in effetti, concettualmente, il tema è sterile.
confesso poi che i brani proposti nell'apparente semplicità propongono insidie ancora insuperabili espressivamente da chi scrive.
detto ciò.
più classico-jazz proponete?

 

Re:vorrei iniziare ad ascoltare jazz...
« Risposta #7 il: Luglio 28, 2017, 10:26:10 pm »
ribaltando lo prospettiva si potrebbero approfondire i compositori classici che più di altri hanno aperto la strada al jazz...

*

Offline Roberto S. Persi

  • *
  • 198
  • principiante volonteroso
    • Mostra profilo
Re:vorrei iniziare ad ascoltare jazz...
« Risposta #8 il: Luglio 29, 2017, 07:37:03 am »
Francamente non capisco perchè ci sia la necessità (o il desiderio) di elevare il Jazz al rango di "buona musica" accostandolo alla Classica. Molti jazzisti ascoltano classica, alcuni addirittura la eseguono Ecc. ecc.
Il Jazz non ha assolutamente bisogno di essere sdoganato o elevato da alcunchè. E' buona musica autonomamente senza bisogno di numi tutelari, sia chiaro c'è anche il Jazz fatto male e/o noioso, così come capita spesso alla classica. La musica è un universo che contiene altri piccoli universi, classica, popolare, jazz, tradizionale, etnica. Tutta roba prodotta dall'uomo e con pari dignità.
Mi viene un po in mente (è il mio campo) quelli che dicono: "però Fontana oltre a tagliare tele sapeva anche disegnare"... chissà perchè il mondo dell'arte ricorda i suoi tagli e non i suoi disegni...
L'importante è partecipare

*

Offline Roberto S. Persi

  • *
  • 198
  • principiante volonteroso
    • Mostra profilo
Re:vorrei iniziare ad ascoltare jazz...
« Risposta #9 il: Luglio 29, 2017, 07:41:42 am »
P.S.
Per avere un approccio laico e aperto verso la musica non sarebbe male dare una letta all'ottimo libro di Stefano Bollani "Parliamo di musica".
L'importante è partecipare

*

Offline Paola

  • *****
  • 1610
    • Mostra profilo
    • www.pianosolo.it
    • E-mail
Re:vorrei iniziare ad ascoltare jazz...
« Risposta #10 il: Luglio 30, 2017, 10:02:52 am »
Io penso che il jazz come linguaggio abbia una sua specifica valenza artistica e concordo con Roberto che non necessiti di una relazione con il repertorio della musica colta occidentale per avere la sua dignità.
La complessità del jazz è testimoniata dalla sua evoluzione nella storia, dalle molteplici influenze che ha assimilato strada facendo, dai suoi artisti immensi.
Bill Evans era un pianista classico ad esempio che ha scelto di esprimersi con il linguaggio del jazz. Cosa ha fatto? Non ha trasposto Debussy o Chopin in chiave jazz, ha piuttosto assimilato al linguaggio jazzistico le sue conoscenze pregresse e ha creato qualcosa di unico. La sua arte ha influenzato il pianismo jazz di tutti i tempi.
Oggi sono numerosi gli artisti che decidono di aprire al repertorio classico e qualcuno lo fa anche bene (vedi ad esempio l'album che Fred Hersch ha dedicato ai compositori russi), però sono eccezioni e credo che se si desidera iniziare ad ascoltare il jazz non bisogna partire da queste che sono cose aggiuntive rispetto al codice musicale linguistico caratterizzante questo linguaggio.
Quindi ascolta Oscar Peterson, Art Tatum, Red Garland, Bill Evans, Miles Davis, Charlie Parker, John Coltrane e cc ecc...  ;)

Re:vorrei iniziare ad ascoltare jazz...
« Risposta #11 il: Luglio 30, 2017, 01:08:38 pm »
Condivido tutto degli ultimi interventi.
Ma il punto però forse è un altro, l'amico Bach33 ce lo ha detto. Lui non va cercando motivazioni per iniziare ad ascoltare jazz. non si è posto in un ottica di comparazione tra jazz e classica. Evidentemente ha già compreso che si tratta di musica meritevole di essere approfondita. La sua pregressa conoscenza della musica classica ha fatto sì che si insinuasse nella sua mente questa curiosità... vai a scoprire l'evento scatenante? sia esso un brano passato a radio3, un non programmato jazz festival in una località raggiunta per lavoro piuttosto che in villeggiatura, o, ancora amici appassionati di jazz che da anni non fanno altro che invitarlo all'ascolto. Non è nemmeno questo il punto.
Il punto è cosa dovrebbe iniziare ad ascoltare l'amico Bach33 che ha un background classico e che, se iscritto a questo forum, evidentemente suona il pianoforte?
Ho provato -con insuccesso- a ricercare un articolo o un'intervista (non ricordo) pubblicato sulla rivista mensile "Musica Jazz" di un anno fa che affrontava il tema musica classica - musica jazz dalla giusta prospettiva. Supponi che un tuo caro amico "di estrazione classica" ed assolutamente a digiuno di jazz, che deve affrontare in volo un viaggio transoceanico di quasi 10 ore,  ti abbia espressamente chiesto di salvargli su una chiavetta USB musica jazz adatta al suo primo approccio a questo genere musicale. Tu quali autori e quali pezzi proporresti al suo curioso ascolto?
Per come la vedo il tema è esattamente questo. Insomma, è la ragione per cui, e credo che siamo tutti d'accordo, non gli proporremmo subito il free-jazz... il rischio di una "brutta" partenza è quello di esaurire la sua spinta propulsiva all'ascolto prima ancora che abbia ascoltato magari Danny Boy di Bill Evans, e ciò non possiamo permettercelo (al free ci arriverà da solo, se vorrà, e personalmente glielo auguro, ma non in 10 ore). In 10 ore non dobbiamo nemmeno proporre la più ampia rassegna di stili nella speranza che vi ci trovi il suo preferito, finiremmo per allontanarlo del tutto. Correggetemi se sbaglio, ma tutti noi, detestiamo quanto adoriamo taluni stili jazz. Anzi la più parte non incontrano minimamente il nostro gusto, e siamo abilissimi a ricercare ed approfondire solo gli autori od i musicisti che più di altri incontrano il nostro interesse e piacere all'ascolto o all'esecuzione.
Detto ciò, l'esperienza più simile che mi è accaduta è questa.
d una festa di compleanno una conoscente (maestro di pianoforte) che mi ha per puro coso sentito suonare, peraltro a quattro mani, ha mostrato interesse per il baccano  che io e mio nipote stavamo propagando (io leggevo, lui improvvisava), e si è lasciata andare che stava da un po' di tempo coltivando il desiderio di ampliare il suo interesse al jazz, senza sapere da dove iniziare.
Ecco, ci siamo lasciati con il mio impegno a farle avere un cd (max 80 minuti) con brani e relative partiture per pianoforte.
Vi invito a fare altrettanto, a consigliare a Bach33, l'ascolto di un'ora e venti minuti di musica jazz, la più possibile comprensibile a chi non ha ancora avuto occasione di approcciarsi all'ascolto ed alla esecuzione di brani jazz (ne consegue che la scelta dei brani deve tenere conto anche delle difficoltà di esecuzione).
Per stimolare la conversazione, la mia proposta è ricaduta sui brani che seguono

01  Ruth (Antonio Gismonti) Egberto Gismonti …………………………………………………………..………….(7:03)
02  Danny Boy (Irish Traditional) Bill Evans .……………………………………………………………….………..(10:37)
03  A Flower is not a flower (Sakamoto) Ryuichi Sakamoto ……………………………………………………(6:34)
04  Harvest time (H. Hancock/J. Hancock) Herbie Hancock ……………………………………………..…….(4:48)
05  Over the Rainbow (Arlen, Harburg) Keith Jarrett …………………………………………………………..…(6:02)
06  I loves You Porgy (Ira Gershwin/Du Bose Heyward/George Gershwin) Keith Jarrett ………..(5:44)
07  I got it bad and that ain’t good (Paul Francis Webster/Duke Ellington) Keith Jarrett ……….(7:05)
08  Blame it on my youth (Edward Heyman/Oscar Levant)/Meditation (Jarrett) Keith Jarrett .(7:19)
09  Be my love (Sammy Cahn/Nikolaus Brodsky) Keith Jarrett ……………………………………………….(5:33)
10  Shenandoah (traditional folk song) Keith Jarrett ……………………………………………………………..(5:46)
11  I’m through with love (Gus Kahn/Joseph Livingston/Matt Malneck) Keith Jarrett …………...(2:56)
12  Time on my hands (Vincent Youmans/Harold Adamson/Mack Gordon) Keith Jarrett ……...(6:07)

Non ho detto che l'interessata aveva circoscritto la volontà di approfondimento del solo "pianosolo" (e ciò nonostante io le avessi coni insistenza proposto di approfondire anche il pianoforte nella classica formazione "trio"), insomma, la scelta è stata dettata dalla qualità delle trascrizioni, dalla comprensibilità delle armonie e dalla "possibilità" di esecuzione: eseguibili (magari rallentate) a prima vista per un pianista classico esperto.
 

 

Re:vorrei iniziare ad ascoltare jazz...
« Risposta #12 il: Luglio 31, 2017, 06:25:09 pm »

Re:vorrei iniziare ad ascoltare jazz...
« Risposta #13 il: Luglio 31, 2017, 07:06:13 pm »

Re:vorrei iniziare ad ascoltare jazz...
« Risposta #14 il: Agosto 04, 2017, 06:13:38 pm »
https://www.youtube.com/watch?v=FOqjiuB0qSc

https://www.youtube.com/watch?v=ONO0YSFE3qY

non credo che una sia migliore dell'altra, secondo i miei gusti.
sono differenti gli approcci.
Petrucciani mastica jazz e quindi può fare più del maestro d.b. quello che deve fare un jazz-man
e come se lo fa
baremboim fa quello che si sente di fare, e come se lo fa.